• Ai compagni fedeli alla linea ci servono ancora i vostri soldi... per il rinnovo del server. Grazie dell'obolo

  • Famo partì sto fantacalcio. E' tempo di rosicare
  • E' resuscitato il vecchio gdr Cyberpunk, controlla nell'Antro dei Nerd, barbone.

Arti Visive NOF4

Da "nuovedizioni"

Nannetti Oreste Fernando nato a Roma nel 1927, morì a Volterra nel 1994. Gran parte della sua esistenza, dopo una difficile infanzia, la passò in vari Ospedali Psichiatrici, ma la sua delirante fantasia si fece opera quando iniziò nel padiglione Ferri (sezione criminale) del manicomio di Volterra a graffiare i muri giorno dopo giorno per nove anni con la fibbietta del gilet della divisa dei matti reclusi. In questi graffiti racconta la sua storia, intrecciando ricordi scritti e disegni, allucinazioni tecnologiche e deliranti contatti con alieni. Per tutto il perimetro del padiglione (180 metri) e per un'altezza di circa due metri N.O.F.4, come lui stesso si nominava (ma anche NANOF o semplicemente NOF), eseguì un graffito articolato in spazi delimitati a mo' di pagine di libro. Lui stesso, che disegnava e scriveva anche su carta, ma di tutto questo materiale non esiste più nulla se non qualche fotocopia, si definiva un ingegnere astronautico minerario e anche colonnello astrale, in possesso di facoltà mentali per noi impensabili. Narrava di essere in contatto telepatico con popoli alieni e raccontava le conquiste di stati immaginari, parlava di voli spaziali, di armi tecnologicamente avanzate, di personaggi fantastici che descriveva usando termini come spinacei, alti e col naso a Y. Narrava di misteriose combinazioni alchemiche, delle magiche proprietà dei metalli, disegnava tralicci ed antenne, dischi volanti, ma anche case, palazzi, fiori, carabinieri in alta uniforme, aerei, elicotteri, robot, ecc... Incise anche una balaustra in cemento di un centinaio di metri, spessa 20 cm., ma di quest'opera restano solo alcune fotografie. Il tempo sta consumando quel che resta dei graffiti di NOF4 e li corrode, come tutta la costruzione in completo abbandono. I matti senza parenti venivano sepolti nel cimitero nascosto, senza nome sulla tomba, e tutti i miseri averi bruciati, come tutti i documenti a loro intestati. Come a volerli eliminare anche dalla memoria, crudeltà di un sistema oscuro ed antiquato. Ma Nannetti Oreste Fernando da Roma ha trovato il modo di rimanere nella memoria anche dei posteri, con quella monumentale opera incisa a fatica sui muri del Padiglione Ferri del Manicomio Criminale di Volterra.
[size=1.35em]
[/size]

[size=1.35em]
[/size]

[size=1.35em]

[/size]
 

Valchiria

SoHead Perfumier
che storia di merda :sad:

sarebbe molto interessante vederli dal vivo e capire meglio la sua storia.
 

- FatmikE -

Typing Monkey
il manicomio di volterra è praticamente la mia seconda casa, lol :asd:

lo stato di degrado in cui sono messi fa un pò senso, ma il posto è abbastanza evocativo.
 
A parte che sarò banale ma quei luoghi mi affascinano tantissimo. E il manicomio di Volterra sembra bello sul serio.
Poi sarebbe bello leggere i suoi scritti, le lettere ai parenti inventati. Sono tutte storie di sofferenza queste ma lui dalla sua forse è riuscito o ha cercato di esprimersi come poteva. Anzi, sicuramente ha cercato di farlo più che riuscito.
Non vedo l'ora di fare il tirocinio in psichiatria, anche se mi spaventa un po', non tanto per i pazienti ma per come posso reagire emotivamente. Dev'essere molto coinvolgente.
 

- FatmikE -

Typing Monkey
bho, per me non ci son problemi. Se vi organizzate si fa un fine settimana con serata a florence + visita al manicomio il giorno seguente.

Se tolgo le catene a ding è fatta.
 
Alto