1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
  2. Ai compagni fedeli alla linea ci servono ancora i vostri soldi... per il rinnovo del server. Grazie dell'obolo

  3. Famo partì sto fantacalcio. E' tempo di rosicare
  4. E' resuscitato il vecchio gdr Cyberpunk, controlla nell'Antro dei Nerd, barbone.
SoHead: come una birra fresca in una calda mattina di Natale

Biografie

Discussione in 'GdR' iniziata da Balto, 27/02/2013.

  1. Balto

    Balto Ninja Skilled!

    Registrato:
    09/11/2011
    Messaggi:
    3.409
    Qui di seguito potete postare il background del vostro personaggio avventuriero/governatore, farlo vi garantirà un piccolo bonus alla fama/prestigio e potrebbe essere obbligatorio per alcune promozioni o se raggiungete un determinato livello di fama/prestigio.

    Approvati:
    Basileus
    Finnen
    Mourinho
    h
    Arminio
    Stark
    Guy_Montag
    macfjo
     
  2. Basileus

    Basileus Ninja Skilled!

    Registrato:
    16/09/2012
    Messaggi:
    4.694
    Località:
    Verona
    Sono Don Yuan de Zavala, figlio del Duca della Nuova Castiglia Ferdinando de Zavala e della Marchesa Caterina de la Marcha. Secondo le leggi di questa Nuova Spagna sono un purosangue spagnolo nato in Spagna, quindi con tutti i diritti ed i doveri degli Spagnoli: poter accedere sino ai massimi livelli della carriera pubblica, militare e religiosa.
    Sono nato nel 1620 a Barcellona, meno di un anno dopo eravamo già di ritorno in Nuova Spagna.
    Siamo bene inseriti nella vita sociale delle colonie, specie a Città del Messico nella corte del Viceré, del quale sono parente avendo sposato l’unica nipote nel 1635. La fortuna della mia famiglia è dovuta alle miniere d’argento delle Aciende all’interno, verso Zacateca, e dai commerci con la Madrepatria.
    Tornando a me, due anni dopo il matrimonio con la nipote del Viceré fui nominato Governatore della seconda città più importante della Nuova Spagna: Veracruz. La città è il punto focale del dominio spagnolo nella regione: tutte le merci in partenza dal Messico partono da qui, e la Flotta del Tesoro fa scalo due volte l’anno per ritirare tutti i prodotti coloniali, l’argento e l’oro.
    Non fui nominato Governatore solo in merito ai miei agganci familiari ed alle ricchezze ma anche grazie alle mie competenze.
    Dopo la morte dei miei genitori, nel 1630, ho gestito l’enorme impero familiare diventando uno degli uomini più ricchi delle colonie grazie ad accurate pianificazioni economiche.
    Al contrario della maggioranza degli spagnoli nelle colonie non sono incline alla violenza; amo la cultura, non la spada ma sono pronto ad assoldare mercenari che facciano il lavoro sporco per conto mio. So riconoscere subito gli uomini validi, dei quali tendo a circondarmi in tutti gli ambienti.
     
  3. Finnen

    Finnen FORSE Finnen

    Registrato:
    10/01/2009
    Messaggi:
    2.218
    Località:
    Sealand
    Figlio di un armatore arricchitosi con le commesse del Cardinal de Richelieu, Tristan Lefevbre nasce a Le Havre nel 1620
    Si gode in giovinezza i privilegi che il padre gli fornisce cacciando moneta: ottimi tutori & insegnanti & istruttori. Il ragazzo sarà ufficiale di sua Maestà spera il suo vecchio.
    Già la famiglia se lo figura nei posti dei ricchi: "Oh! Ecco l'Ammiraglio Lefevbre!". *OOOOooooh!*
    Il Giovane ha talento, l'accademia è una passeggiata sulla tolda in bonaccia, la vita sul primo vascello è dura ma è il genere di vita che ha scelto. A 18 anni non si patisce niente.
    Diventa nel giro di un paio d'anni primo ufficiale ed ora sa di navigare su un legno di prim'ordine, la Soleil, comandato da un parruccone rispettato.
    Certo non si aspettava di finire nei Caraibi ma è lì che il suo Re vuole la sua nave ed è lì che girano i soldi, quelli veri.
    E sono chiaramente i soldi ad averla vinta perchè Capitan parruccone sarà anche rispettato ma sul ponte trema al pensiero di incontrar battaglia.
    I caraibi non sono la corte francese, qui conta saper sentire il vento. La promessa di facili guadagni sulla schiena degli spagnoli è allettante, a 20 anni troppo.
    Inizia come marinaio su sloop ridicoli, il giro dei poveri dei fratelli della costa, ma è chiaro che conosce il suo lavoro.
    Diventa nostromo e diventa Secondo ufficiale e torna ancora ad esser Primo. Su un brigantino con le Jolie Rouge.

    Ora gli anni sono 30, le Cap' si ritira a Petit Goave con le sue negre. Tristan rimane.

    [size=1em]Parla francese e inglese mentre i caraibi gli hanno insegnato uno spagnolo imbastardito dal dialetto misto indio dei bucanieri, un sacco di espressioni colorite ed il piacere oltraggioso della bestemmia, dei dobloni e dello sperperarli prima di riprendere il mare.[/size]
    Non intende fare da Primo per qualche faccia di culo fresca di diserzione, vuole un suo legno.
     
  4. Mourinho

    Mourinho Get a life Fantacalciaro

    Registrato:
    05/03/2010
    Messaggi:
    17.737
    Località:
    Manchester
    Non si sa molto della vita precedente di Jaques Moreau. Quarto figlio di una famiglia della nobilià provenzale, per quel che si sa passa i suoi anni tra la nobiltà locale, l'università di Tolosa la Svizzera romanda a casa del nonno materno. Lo avvicina al mare un'esperienza di ensign, comune per i figli della nobiltà, su una fregata salpata da Tolone.

    Poi più nulla, fino al 1650, quando il suo nome compare in alcuni racconti dei marinai che navigano dei caraibi. Su di lui girano alcune voci, ognuna diversa e mai confermata. Si dice che abbia raccolto un equipaggio di bucanieri e che si diverta ad assaltare navi di altri pirati, che non metta piede a terra da anni, ma anche che sia in cerca dell'oro spagnolo per fondare una sua colonia. Si dice che sia un disertore della Marine Royale, ma anche che sia sotto segreto servizio degli uomini di Richelieau. Si dice che porti un vestito nero, come il suo cognome e la sua anima, ma anche che indossi vecchi vestiti eleganti ma sporcati e maltrattati dal tempo.
    Tuttavia ci sono tre cose su cui tutti concordano: che porti un piccolo oggettino, un'antica clessidra, che custodisce come un amuleto, e che utilizza per decidere il destino delle sue vittime; che sia un eccellente schermidore; che lasci sempre due scelte al capitano avversario, e secondo qualcuno la clessidra ha un ruolo in questo.

    Le doti con la spada e l'apparente rispetto per gli altri capitani sono probabilmente i motivi per cui viene chiamato da alcuni "Il gentiluomo".
     
  5. h (acca)

    h (acca) Ninja Skilled!

    Registrato:
    27/09/2008
    Messaggi:
    2.848
    [img height=500]http://www.lacasadisangiorgio.it/img/6.jpg[/img]
    Anno MCDXXXIV S.S. Doge Giovanni Stefano Doria
    Ne lo sesto die de lo mefe di Genaro sono stati accolti all'ingresso del Palagio delle Compere di San Giorgio capitani di ventura al fine di tutelare gli interessi del Banco nei possedimenti della Repubblica presso il porto di Panama.
    Il primo dei candidati é stato Barnaba Guano, egli non possiede legame diretto con l'Albergo dei Guano e afferma di portare il nome dell'omonimo Doge per puro caso di cui lui non era nemmeno conscio.
    Ciononostante dalle sue origini lontane dal Patriziato egli presenta con se missive di raccomandazioni da più di nobiluomini di mare, che ne esaltano le virtù come omo di nave e come marinaio che ha maturato servendo come mozzo da quando aveva decimo e uno anni ad oggi che ne ha venti e sei anni.
    Egli ha risposto alle domande dei Sig. Protettori davanti ali Miniftri delle compere elencando i ponti su cui ha servito, egli conosce fluidamente lo spagnolo mentre non spicca ne per merito ne per demerito nell'inglese ne nel francese.
    Il suo coinvolgimento diretto potrebbe non essere conveniente poiché in passato e' stato coinvolto varie volte nei tafferugli intestini tra Alberghi rivali e a causa del suo sostegno in queste lotte civili
    egli necessità di essere rifornito di tutto dalla nave all'equipaggio in quando ciò che non gli e' stato saccheggiato in battaglia gli e' stato sequestrato dalle autorità della Repubblica.
    Cionostante egli sembra il candidato ideale, e le sue disavventure lo mettono letteralmente nei palmi delle nostri mani.
    Ad oggi se rimanesse nella Superba verrebbe ritrovato morto in uno dei nostri caruggi, necessità d'andarsene e affidarsi a noi é l'unico modo per aver tutelati i suoi interessi all'interno del Comune e' tutelare i nostri nel golfo panamese.
    Viene perciò deciso all'unanimità d'affidargli un finanziamento tale per condurlo al più presto al salpare.
     
  6. Arminio

    Arminio Ninja Skilled!

    Registrato:
    08/05/2012
    Messaggi:
    4.591
    Località:
    Napulè
    Kuno Dekker nasce ad Amsterdam nel 1620 da una ricchissima famiglia di armatori navali.
    Infatti si può dire che suo padre e prima suo nonno hanno costruito una buona parte della flotta della Compagnia delle Indie Occidentali.
    Il giovane rampollo Dekker, dopo alcuni anni passati nell'esercito della Repubblica Olandese e congedatosi come ufficiale , intraprende gli studi di economia e progettazione navale all'Accademia Navale di Amsterdam.
    Nel 1642, lasciando la gestione dei cantieri a suo padre e a suo fratello minore Kuno parte insieme ad una spedizione della Compagnia verso il continente americano.
    Arrivato nel porto di Curaçao immediatamente gli viene affidata la gestione del porto della piccola cittadina, che viene trasformata in un importante snodo commerciale.
    Nel 1647 diviene il principale rappresentante della Compagnia nell'isola, e passa i successivi due anni a gestire la guarnigione terrestre e navale nell'isola, grazie alle sue conoscenze militari maturate in patria.
    Sotto raccomandazione della Compagnia e della famiglia in Olanda alla fine del 1649, approfittando della morte del vecchio governatore, Kuno Dekker diviene governatore dell'isola, a soli 30 anni è il più giovane governatore dell'Impero Olandese.

    Ecco il giovane Kuno vestito con un abito donato dal cugino in viaggio in giappone per conto della Compagnia.

    [​IMG]
     
  7. LordEricStark

    LordEricStark Spammer

    Registrato:
    04/08/2012
    Messaggi:
    867
    Edward Kenway è un giovane ed esuberante gallese nato nel 1625 da padre inglese e madre gallese. Carismatico, intelligente e temerario, è generalmente gentile ma anche egoista.

    [​IMG]

    Durante l'adolescenza la famiglia si trasferì oltreoceano, in Virginia, dove il giovane conobbe e sposò una donna due anni più grande di lui, Caroline Scott. Edward, tipo molto focoso ed alla ricerca di un riscatto sociale, desiderava salpare per i Caraibi alla ricerca di oro e fama. Questo portò Caroline a lasciarlo. Lei tornò nella sua casa natia, Edward invece si imbarcò nel 1648 per la Giamaica sotto un famoso comandante della Regia Marina, Charles Vane.
    Accadde che, rifiutandosi di saccheggiare una nave francese, Vane si vide la sua stessa ciurma ribellarsi ed eleggere il giovane John Rackham quale capitano della nave pirata Nettuno. Edward divenne nostromo e passò 7 mesi su tale nave, imparando a vivere da pirata, alla ricerca della sopravvivenza.
    Scalando la "gerarchia" dei Pirati, uccidendo molti sfidanti a duello e menando le mani ad ogni occasione in cui qualcuno lo avesse provocato, Edward iniziò a farsi una minuscola fama tra i bucanieri; abbandonò la Nettuno per comprarsi una nave, un brigantino che in fretta armò e popolò sfruttando il suo carisma, tratto velato ma sfoderato sempre al momento giusto.

    [​IMG]

    Per un anno e poco più compie decise scorribande lungo le coste dell'America del Sud, prevalentemente presso Trinidad.
    Dopo una tempesta durissima, la peggiore che tutti i suoi uomini e lui stesso abbiano mai visto, riesce a fuggire presso Vera Cruz e da qui riparte la sua avventura.


    Lo chiamano "L'Aquila", dal cipiglio onorevole e la grande forza d'animo, ma personalista e riservato.
    Indossa spesso abiti bianchi e dai tagli particolari, quasi arabeggianti, con tanto di cappuccio ricamato a forma di becco dell'animale dal quale prende il soprannome; il tenere quasi sempre calato il cappuccio sul viso gli conferisce un alone di mistero tutto particolare.

    Deciso ma romantico con le donne, non va a puttane, preferendo conquistare le donne (meglio se ricche) e farle innamorare così perdutamente da poter fare qualsiasi cosa per lui.
    Discreto spadaccino, deve ancora affinare le sue abilità.
    Non dimostra alcun interesse per gli avvenimenti politici dell'epoca e si mette al soldo del miglior offerente. Giovanissimo comunque, rimane un'anomalia nel campo della pirateria, come pure tutti i suoi vecchi compagni di viaggio della Nettuno, sulla quale v'erano pure due donne!


    [​IMG]
     
  8. Guy_Montag

    Guy_Montag Chosen one

    Registrato:
    13/02/2012
    Messaggi:
    8.062
    Sir Brett Rupert George Robert Mark Anthony Andrew Sinclair, 15esimo Barone di Marnock, nasce nell'Isola di Marnock; figlio del 14esimo Barone e della moglie, Lady Sinclair; fedeli sudditi di James IV prima e Charles I poi. Grazie a questi appoggi riesce ad entrare a Harrow ed Oxford, nonostante appartenesse alla piccola nobiltà. Dopo gli studi intraprese la carriera militare, arruolandosi nel reggimento delle guardie reali, scalando rapidamente i gradi. Questo periodo di soddisfazioni venne interrotto dalla morte dei genitori e dal duro scontro tra Charles I ed il parlamento. Il giovane Brone cercò di barcamenarsi tra la fedeltà alla monarchia e le sfolgoranti vittorie dei parlamentaristi. Dopo l'esecuzione di Charles I, Sinclair, si vide forzato a cambiare campo, assistendo così all'avvento di Oliver Cromwell dalla parte delle teste rotonde. Giudicato una persona poco gradita ma di notevoli capacità diplomatiche e militari, il barone venne inviato dal governo nella colonia di Grand Bahama, per servirvi come governatore.
     
  9. macfjo

    macfjo Typing Monkey

    Registrato:
    19/03/2013
    Messaggi:
    6
    Località:
    Sul fiume
    “Che cosa?? Non hai mai sentito nominare Marquez Carranzo? Figliolo, quell’uomo è venuto fuori direttamente dal demonio, te lo dico io! Ahhr ahhr ahhr, un vero figlio di buona donna, ecco cos’è! É arrivato qui... bah, quindic’anni fa, forse, con suo padre, un povero diavolo che ha tirato le cuoia qualche tempo dopo. Quel ragazzo ha passato la sua vita su un dannatissimo ponte, credimi: se c’è uno che sa come si tira avanti una barca, è lui. Si è fatto amico tutta la ciurma, della nave su cui lavorava sai, una bagnarola di un mercante da strapazzo, e ad un certo punto... Bum! Insieme ai suoi si è ammutinato, ha mollato il capitano, una donnetta fidati, su una spiaggia e si è preso la nave. Por Dios, dovresti sentirlo parlare: riuscirebbe a convincerti di avere sei dita per mano, quel bastardo! Ahhr ahhr, pensa che si dice che sia riuscito a fingersi un nobile e ad infilarsi ad un ballo del governatore di Gran Granada, una volta! E non solo lì: pare che si sia infilato anche sotto la gonna di sua figlia! Ahhr ahhr ahhr, un vero uomo con le contropalle, te lo dico io. Se l’ho conosciuto? Sì, l’ho visto una volta... Un portamento da vero capitano, che sia dannato, un vero lupo di mare. Ne sa una più del diavolo quello lì, amico mio! Un pirata? Bah, all’occorrenza, ma a quanto ho sentito si trova a suo agio tanto su un ponte con una sciabola in mano quanto in un salotto a parlare con dei signorotti cacainbrache. È uno che conviene farsi amico, fidati di me: potrebbe essere qui ad ascoltarci e neanche ce ne accorgeremmo! Ahhr ahhr, spero di incontrarlo di nuovo: lui e quella sua ciurma di manigoldi, fedeli a lui come dei maledetti cagnolini, i bastardi... Fidati di me: se lo incontri, non te ne scorderai tanto presto.”
     

Condividi questa Pagina