1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
  2. Ai compagni fedeli alla linea ci servono ancora i vostri soldi... per il rinnovo del server. Grazie dell'obolo

  3. Famo partì sto fantacalcio. E' tempo di rosicare
  4. E' resuscitato il vecchio gdr Cyberpunk, controlla nell'Antro dei Nerd, barbone.
SoHead: la comunità che non ti obbliga a cenare coi parenti a Natale!

[Valkari]: riforma del governo

Discussione in 'GDR' iniziata da niniel, 14/05/2011.

  1. niniel

    niniel Just a newbie

    Registrato:
    08/11/2011
    Messaggi:
    274
    Durante il tradizionale discorso per l’anniversario della nascita dell’esercito Valkari, sua Maestà Al-Krishu Tarek fa un annuncio di portata epocale:

    “Miei cari sudditi, fiero popolo Valkari;
    da secoli la mia famiglia si prodiga per guidare tutti voi e rendere prospero il nostro regno: in questo tempo siamo cresciuti, abbiamo conquistato territori e reso sempre più gloriosa la nostra razza.
    É vero però, che come ogni creatura anche I popoli crescono, e maturano. Noi vediamo questa maturità nel popolo Valkari, e riteniamo che esso possa e debba avere voce in capitolo nel suo governo. Per questo motivo, rispondendo alle domande di apertura che si fanno sentire a gran voce, da Salroka, a Fenris, a Raijran, abbiamo deciso che il parlamento della monarchia Valkari verrà da oggi in poi liberamente eletto dal popolo Valkari, e avrà pieni poteri di governo. Ogni legge promulgata da questo parlamento verrà sempre passata al vaglio della nostra Maestà, affinchè noi possiamo vegliare sul rispetto della costituzione del nostro glorioso Regno.
    In attesa delle libere elezioni che si terranno il prossimo anno, il governo viene trasferito nelle mani di un consiglio, formato da rappresentanti del partito Lealista, del partito Riformista, del Clan Kroxigor e del Clan Schychya. Il Consiglio di Governo sarà anche incaricato di stilare una nuova Costituzione, che guardi alla nostra storia, e ci prepari per il nostro futuro!”
    [In pratica, si passa ad una monarchia parlamentare di modello svedese, con il Re che ha ruolo di rappresentanza e il diritto di veto sulle leggi se risultano anticostituzionali. Viene indetta una costituente, il governo verrà eletto in libere elezioni e il primo ministro non è nominato dal Re ma eletto. N.B, non ci sono i rappresentanti del partito degli anziani nella costituente]
     

Condividi questa Pagina