• Ai compagni fedeli alla linea ci servono ancora i vostri soldi... per il rinnovo del server. Grazie dell'obolo

  • Famo partì sto fantacalcio. E' tempo di rosicare
  • E' resuscitato il vecchio gdr Cyberpunk, controlla nell'Antro dei Nerd, barbone.

Recensione Tactics Ogre: Let Us Cling Together

Arminio

Ninja Skilled!
Per inaugurare la mia moderazione ho deciso di fare una recensione di un gioco a cui tengo tantissimo, e che ritengo personalmente uno dei giochi più profondi di sempre.
Sto parlando di Tactics Ogre, secondo capitolo della Ogre Battle Saga creata dalla ormai defunta Quest nel 1995 per Super Famicom, e rilasciato sotto forma di remake nel 2011 per la Psp da Square Enix.

La recensione sarà abbastanza informale e trainata dalla mia passione per il gioco, lascio i tecnicismi ad altri.

UN PO' DI STORIA

La Quest era una piccola compagnia nipponica, che dopo essersi fatta le ossa su alcuni giochi per NES, tra i quali anche alcuni jrpg simili a Dragon Quest, inizia, in era SNES, a lavorare sulla serie che la renderà famosa, la Ogre Battle, con il primo Ogre Battle: The March of the Black Queen.
Il gioco è un originale mix di elementi strategici (battaglie campali sulla World Map) e combattimenti da jrpg classici. Un pò alla Suikoden, per intenderci.

All'interno del team di sviluppo troviamo alcuni nomi che con il tempo acquisteranno una grandissima fama all'interno del panorama videoludico nipponico.
A capo dello sviluppo di The March of The Black Queen e Let Us Cling Together troviamo YASUMI MATSUNO.
Matsuno è colui che in futuro si occuperà, come game designer, di giochini come Final Fantasy Tactics, Vagrant Story e Final Fantasy XII.

Oltre a Matsuno troviamo anche Akihiko Yoshida, character designer che considero tra i migliori in assoluto, e Hitoshi Sakimoto alla colonna sonora,musicista che si farà le ossa con giochi simili alla Ogre Battle, ovvero jrpg "seinen" e con trame politico-militari.

Questi tre signori, dopo aver creato Tactics Ogre, lasceranno la Quest per entrare in Squaresoft.
Nel 2002 la Quest viene comprata da Square Enix, e con essa la licenza della Ogre Battle.
Aggiungo anche che questi tre signori hanno lasciato tutti Square tra il 2006 e il 2012, cercando altri lidi che non siano quelli della malvagia casa di sviluppo giapponese.

La Ogre Battle Saga è morta nel 2002, con il suo ultimo capitolo, The Knight of Lodis, uscito per GBA.
Dopo il passaggio a SE come è loro solito la saga è stata completamente ignorata ed è caduta nel dimenticatoio.
Ogre Battle come Chrono, Xenogears, Vagrant Story, Final Fantasy Tactics e tanti altri. Ciao Squex, salutaci Kingdom Hearts.

Nel 2011 incredibilmente la SE fa uscire un remake per psp del gioco, la versione a cui ho giocato, addirittura richiamando Matsuno e il suo team per lavorare al remake.
Il remake presenta una colonna sonora riarrangiata, nuovi ritratti dei personaggi, traduzione rinnovata da zero e un pò di chicche a livello di gameplay, come un sistema che permette di rigiocare singole parti del gioco per sbloccare tutti i finali e cambiare le scelte prese durante la storia.
Il remake ha fatto sperare in una ripresa della saga, speranza che è scomparsa dopo poco.

IL GIOCO

Tactics Ogre: LUCT è un jrpg tattico a due dimensioni, similissimo a Final Fantasy Tactics, quest ultimo creato da Squaresoft per realizzare un gioco simile a Tactics Ogre (di cui allora non possedevano la licenza) con ambientazioni e tematiche da Final Fantasy.
Vengono quindi messe da parte le meccaniche da strategico per realizzare quella che sarà la pietra miliare dell'intero genere dei jrpg tattici.

Mettiamo da parte i preamboli e passiamo al gioco vero e proprio.

LA TRAMA

Durante lo sviluppo del gioco erano in piena svolgimento le guerre civili yugoslave (@Solctis ).
Matsuno seguiva con grande interesse gli eventi, che influenzarono fortemente lo sviluppo del gioco.

Il gioco è ambientato nel continente di Valeria, terra costantemente in guerra e flagellata da conflitti etnici ed interventi di stati stranieri.
Tutto questo dura fino alla conquista dell'intero continente da parte del Re Dorgalua, che con un una combinazione di pugno di ferro e ripartizione del potere tra le etnie di Valeria riesce a portare la pace e la stabilità in questa terra martoriata.

Tutto questo dura fino alla morte senza eredi del re.
Subito dopo la sua morte il regno collassa e si divide tra le tre etnie principali, che immediatamente iniziano a massacrarsi a vicenda per assumere il controllo di ciò che resta del regno di Dorgalua.
E' in questo scenario di caos che seguiamo l'avventura di Denam Pavel, di sua sorella Catiua Pavel e del suo amico Vyce Bozeck.

Non posso dire di più, se non che la trama è eccezionale, personaggi interessantissimi e colpi di scena cadono addosso come riso ad un matrimonio napoletano.


L'AMBIENTAZIONE

Una sola frase per riassumere l'ambientazione: realistica, spietata e per nulla "giappofestosa".
Dimenticatevi le assurdità che i giapponesi amano ficcare nei loro giochi, le loli, i pervertiti, i festival e la visita alla spiaggia, Tactics Ogre è serissimo e non osa mai perdersi in eventi inutili. La magia, anche se presente ed usata massicciamente, è sempre in secondo piano rispetto agli eventi politici o militari.

A Valeria esistono tre etnie dominanti.
I bakram, l'etnia di Dorgalua, sono appena il 10% della popolazione, ma sono un elite guerriera e fortemente aristocratica.
I galgastani sono quasi il 70% della popolazione, abitano le zone più ricche del continente e rappresentano la vera anima di Valeria.
I wallister sono il restante 20% della popolazione,pastori che abitano sulle loro montagne e che hanno sempre lottato con fierezza contro gli altri popoli che hanno sempre tentato di dominarli. Mi piace pensare che siano tipo curdi @Mikhail Mengsk

Si sente tantissimo l'influenza dell'immaginario storico, ed anche ruolistico, occidentale.
Ciò si nota sia dai nomi (slavi per i wallister, greci per i galgastani, germanici per i bakram) sia dall'organizzazione religiosa del continente che ricorda molto quella cristiano ortodossa con tanto di patriarca ed abuna.

Un altra cosa che ricorda i gdr occidentali è il sistema di allineamento.
Il gioco è a finali multipli, che dipendono dalle scelte compiute durante la storia, scelte che possono essere legali, caotiche o neutrali.
Attenzione, non sono presi in considerazione gli allineamenti buono e malvagio, cosa che ha tratto in inganno moltissimi incluso me, e che ha portato a scelte scellerate (vi ho avvertiti).

Boh, poi ci sarebbe tantissimo da dire, vi lascio con il meraviglioso filmato introduttivo.

View: https://www.youtube.com/watch?v=21PnQogwrNY


IL GAMEPLAY

Come ho detto, TO è simile a FFT, ovvero singole unità si muovono su una griglia di combattimento, con l'obiettivo di annientare le forze nemiche o sconfiggere il comandante nemico.
Esistono numerosi classi, come il guerriero, l'arciere, il mago, il rogue, il cavaliere nero e altre cose classiche.
Oltre a guadagnare esperienza in battaglia i personaggi guadagnano anche punti abilità, che permettono di sbloccare decine di abilità diverse. Però i pg possono impararne solo in numero limitato. Così facendo si possono personalizzare fortemente i personaggi, differenziando anche pg appartenenti ad una stessa classe.
Tutto ciò è unito ad un enorme numero di equipaggiamenti, oggetti e un massiccio sistema di loot e crafting.
Il risultato è un sistema di sviluppo difficile da padroneggiare, ma che permette una libertà enorme e grandi possibilità di personalizzazione di ogni singolo pg.
E non solo, i personaggi sono anche divisi per allineamento, per genere e per etnia, fattori che bloccano oppure permettono certe classi.

Una particolarità del gioco, aggiunta nel remake, è che non sono i personaggi a salire di livello ma le classi, permettendo così di inserire pg nel gioco senza causare grinding esagerato. Come Valkyria Chronicles. @Rebaf

COSE DI CONTORNO

Cose tipo il massiccio WARREN REPORT, un giornale-diario di tutti gli eventi accaduti nel gioco, una enciclopedia dei personaggi, un libro pieno di conoscenza con una musica fighissima.
Oppure l'inglese arcaico usato nei dialoghi, che rende ogni cagata detta dai personaggi una sparata epica.
O anche le formule usate dai maghi quando lanciano gli incantesimi.

CHARA DESIGN

Yoshida è il mio chara designer preferito. Il tratto dei suoi personaggi è allo stesso tempo semplice ed estremamente potente.
Lascio alle immagini il resto:







COLONNA SONORA

Sakimoto è un compositore eccezionale, che da il meglio di se con giochi come TO.
Pezzi epici, altri malinconici, altri ancora fatti per gasarsi durante le battaglie.
Le parole sono inutili, ecco a voi alcuni pezzi di quella che ritengo sia una delle migliori ost di sempre.

View: https://www.youtube.com/watch?v=FgA1upesQuU&list=PLEFE333A7537D4666


View: https://www.youtube.com/watch?v=948pcoM7Seo&list=PLEFE333A7537D4666


View: https://www.youtube.com/watch?v=VdgDV8e1jRM&list=PLEFE333A7537D4666


View: https://www.youtube.com/watch?v=UWtF-vC6la0&list=PLEFE333A7537D4666



CONCLUSIONI

Che altro c'è da dire, a parte 11/10?

Chiedo perdono per eventuali errori o cacofonie discorsive, ho scritto di getto.
 
Ultima modifica:

Rebaf

Get a life
Fantacalciaro
Ha ragione Arminio, una PSP usata è sempre un buon investimento dato il parco giochi immenso.

Comunque è da quando ho preso la Vita l'anno scorso che lo voglio provare, dato che non avevo mai avuto una PSP, appena finisco Shin Megami Tensei IV e Fire Emblem: Awakening ci faccio un pensierone.

Bel thread Arminio comunque, me lo sono letto di gusto ;)
 

Arminio

Ninja Skilled!
Ho dimenticato di dirvi che nell'opening del gioco, prima dell'apparizione del menù di avvio della partita, appaiono le seguenti parole:

"Sing to me of a time long past,
A time where men answered to power alone,
Ruled by steel,
Steeped in darkness,
Sing of an age called Xytegenia."

Come se il giocatore fosse colui che ascolta una storia epica, che ormai viene tramandata solo oralmente dai poeti.
La mia formazione classica è soddisfatta.


Tra l'altro @Rebaf devi sapere che Sakimoto ha composto anche la colonna sonora di Valkyria Chronicles.
 
Ultima modifica:

Arminio

Ninja Skilled!
Non ho resistito, maledetto Arminio. A 20 euro era una tentazione troppo forte.

Amazon?

Comunque buona fortuna, ti aspettano ben:

60 ore di trama
30 ore di grinding
20 ore di battaglie opzionali
20 ore di ricaricamento perchè le battaglie ti sono andate male o per aver fatto morire qualcuno
60 ore per rigiocare il gioco in maniera completamente diversa
10 ore per i What If.
 

Rebaf

Get a life
Fantacalciaro
No no, psn, sticazzi dello scatolo, io sono l'opposto del collezionismo, mi interessa solo giocare, ho pochissima affezione per il concetto di copia retail da tenere a casa.
 

Rebaf

Get a life
Fantacalciaro
E comunque stai parlando con uno che ha giocato i Persona e i Shin Megami Tensei degli anni '90. Grinding jappo nun te temo.
 

Rebaf

Get a life
Fantacalciaro
Monster Hunter gioco droga assoluto, peccato su Ps Vita non ne abbiano più fatti. Prima o poi toccherà fare l'investimento sul mio 3DS XL se mai uscirà dal Giappone il 4.
 

Rebaf

Get a life
Fantacalciaro
Guarda ultimamente stavo giocando a Fire Emblem: Awakening che rimane un jrpg tattico di altissimo livello, ma qua già dalle prime impressioni noti una superiorità per quanto riguarda la trama e il lore di gioco che è imbarazzante. Per quanto Fire Emblem sia una saga coi controcoglioni cade sempre nel "jappo-minchionesco" con alcuni clichè imho evitabili, qua invece è tutto più cupo e i personaggi hanno uno spessore di prim'ordine.

E le musiche sono divine, davvero una roba che lascio andare la Ps Vita con il volume a palla solo per sentirle.
 

Arminio

Ninja Skilled!
Guarda ultimamente stavo giocando a Fire Emblem: Awakening che rimane un jrpg tattico di altissimo livello, ma qua già dalle prime impressioni noti una superiorità per quanto riguarda la trama e il lore di gioco che è imbarazzante. Per quanto Fire Emblem sia una saga coi controcoglioni cade sempre nel "jappo-minchionesco" con alcuni clichè imho evitabili, qua invece è tutto più cupo e i personaggi hanno uno spessore di prim'ordine.

E le musiche sono divine, davvero una roba che lascio andare la Ps Vita con il volume a palla solo per sentirle.

D'accordissimo, Awakening è un grandissimo gioco su cui ho buttato più di 100 ore, ma Tactics Ogre è semplicemente fuori scala.
E stai ancora all'inizio, la colonna sonora diventa sempre più paurosa.
 

Rebaf

Get a life
Fantacalciaro
Yep, figurati che mi sono preso il 3DS praticamente solo per Fire Emblem, Bravely Default e Shin Megami Tensei IV :asd: Pero' qua vedi già la puzza di capolavoro sin dalla prima mezz'ora di gioco.

Comunque dimenticavo di citare il chara design sopraffino, sa essere jappo ma senza cadere nel moe ma, anzi, rielaborando l'iconografia occidentale-medievale con lo stile unico di Yoshida. Cheapeau.
 
Alto