1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
  2. Ai compagni fedeli alla linea ci servono ancora i vostri soldi... per il rinnovo del server. Grazie dell'obolo

  3. Famo partì sto fantacalcio. E' tempo di rosicare
  4. E' resuscitato il vecchio gdr Cyberpunk, controlla nell'Antro dei Nerd, barbone.
SoHead: la comunità con il nome più affine alla Shoah.

Risorse e Commercio

Discussione in 'Regolamento' iniziata da Silen, 14/11/2014.

Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.
  1. Silen

    Silen Get a life

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    15.747
    Il commercio in questa nuova incarnazione di Leader funzionerà in modo nettamente diverso da quanto ho realizzato nelle varie versioni del Fantasy.
    Stabilire delle rotte commerciali fra pianeta e pianeta non mi sembra infatti realistico: a livello planetario, difficilmente può avere senso trasportare beni di consumo, sarà sempre più economico cercare di produrli "in loco", per non parlare del fatto che non riesco proprio a immaginare quali beni di consumo possano interessare allo stesso tempo ad un Umano, uno Spemin ed uno T'Ca.
    D'altro canto, è realistico pensare che esistano risorse rare che possano avere considerevoli effetti strategici e che quindi possano essere bramate da razze diverse, come ad esempio metalli epsanti e superconduttori, particolari composti chimici come gas nobili e narcotici, forme di vita esotiche, ecc, ecc.

    Con queste considerazioni in mente ho deciso di dviidere il commercio in due branche, autonome fra di loro ma comunque facenti parte della stessa famiglia: Commercio interno e Risorse Strategiche.

    Il Commercio interno funziona secondo un sistema apparentemente semplice ma in realtà da ponderare con attenzione: i giocatori ogni turno potranno scegliere di dedicare una parte della capacità produttiva complessiva di un pianeta (di cui si parla in un altro paragrafo) alla produzione di beni di consumo da vendere alla popolazione civile in cambio di denaro. E' un metodo facile e veloce di acquisire qualche soldino extra ma a spese della vostra produttività militare o di infrastrutture.

    Il commercio di risorse strategiche invece si basa invece su un diverso concetto, ovvero quello di ottenere un forte bonus valido in tutto il vostro impero a patto di riuscire a mettere le mani su tutte le risorse di una determinata categoria. In pratica, ogni pianeta (o quasi: certi pianeti potrebbero essere l'inutilità personificata e non avere niente che valga la pena di raccogliere) avrà una risorsa strategica specifica di quel pianeta. Ad esempio, se consideriamo la categoria "Minerali e Superconduttori" potreste trovare una delle seguenti risorse: Iridio, Palladio, Gallio, Zirconio, Adamantio.
    Possedere una soltanto di queste risorse, del tipo dieci pianeti con lo Zirconio, è sostanzialmente inutile poichè le singole risorse non sono cumulabili, ma se riuscite a possederle tutte attiverete un bonus empire-wide, ovvero la riduzione del 25% del costo di tutte le astronavi.
    Ovviamente non è strettamente necessario acquisire queste risorse col commercio, potete anche decidere semplicemente di invadere i pianeti che contengono le risorse che vi mancano, tuttavia può forse essere più utile (e più rapido) comprare, vendere o scambiare le suddette risorse con gli altri giocatori.

    Le categorie che ho in mente al momento sono:
    Minerali e Superconduttori
    (Iridio, Palladio, Gallio, Zirconio, Adamantio): 25% riduzione costo astronavi

    Gas Nobili
    (Elio, Radon, Kripton, Argon, Vespene):

    Narcotici:
    (Morfina, Oppio, Cocaina, LSD, BTL)

    Forme di Vita
     
    Ultima modifica: 30/12/2015
Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.

Condividi questa Pagina