1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
  2. Ai compagni fedeli alla linea ci servono ancora i vostri soldi... per il rinnovo del server. Grazie dell'obolo

  3. Famo partì sto fantacalcio. E' tempo di rosicare
  4. E' resuscitato il vecchio gdr Cyberpunk, controlla nell'Antro dei Nerd, barbone.
SoHead: il forum che ha le scanalature, come le monete da venti centesimi!

Report Turno 30

Discussione in 'Report' iniziata da Silen, 08/10/2018.

Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.
  1. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    La Grande Guerra - The Aftermath

    Dopo cinque anni di battaglie sanguinose per terra e per mare, la Grande Guerra del Sud giunge finalmente al termine. Tantot erribile è stato questo conflitto, e tanti i partecipanti da nord a sud che i saggi ma anche il popolino ha finito per riferirsi ad essa semplicemente come la "Grande Guerra" e come tale verrà ricordata.

    Diversamente dai conflitti della storia passata di Ea, la pace questa volta non viene raggiunta perchè una delle parti sia risultata trionfante, ma per la stanchezza per un conflitto che ormia da anni si era trasformato in uno stallo sanguinoso. Le trattative di pace, assai laboriose, si concludono con un ritorno allo status quo ante bellum e la restituzione di tutti i territori occupati da entrambe le parti in causa. Trattarive private vedranno poi l'acquisto di un paio di province, reputate indifendibili dall'Impero meridionale, da parte dei suoi recenti nemici in cambio di una enorme quantità di oro.
    Le opinioni dei saggi sull'esito del conflitto sono contradditorie...da un lato per la prima volta l'espansionismo delle Arpie è stato arrestato, dopo vent'anni di avanzata ininterrotta, ma gli stati coalizzati speravano di infrangere la potenza dell'Impero di Silene e quest'ultima è stata appena intaccata: l'Impero meridionale continua a stendere la sua ombra minacciosa su gran parte di Ea e nessuno dubita che prima o poi le arpie cercheranno di vendicarsi del "tradimento" dei Centauri nè che Ea abbia assistito all'ultima Guerra di Espansione.

    Se non è chiaro chi abbia vinto la Grande Guerra, è abbastanza chiaro chi è stato sconfitto...il regno elfico di Minnonar esce in frantumi dalla guerra, ridotto a meno di un terzo del proprio territorio, il resto occupato dalle forze imperiali o da molteplici ribelli.
    Lo stato d'animo del popolo eldar in questi tempi oscuri è ben reso dalla ballata composta da uno sconosciuto trovatore elfico:

    E chi saresti mai tu, chè io debba prostarmi tanto in basso
    Solo una cornacchia troppo cresciuta, questa è l'unica verità che conosco.
    Capelli d'oro o candide piume, ogni predatore ha i suoi artigli
    E i miei sono oh, così lunghi e affilati, lunghi e affilati quanto i tuoi.

    Così parlò, oh si così parlo la Regina di Minnonar
    Ma ora la pioggia cade come lacrime nel suo palazzo e non c'è nessuno ad ascoltare
    Oh si, la pioggia cade come lacrime nel suo palazzo, e non un'anima ad ascoltare.


    Le pioggie di Almarillan, autore sconosciuto

    Nlle settimane immediatamente dopo la stipula della pace il nuovo re di Minnonar, il principe Carnil cercherà disperatamente di assicurarsi l'aiuto dei suoi alleati per sopprimere la rivolta del Consiglio della Corona ma i colloqui si concludono in maniera infruttuosa e sebbene Carnil sia riuscito a trovare un modus vivendi coi Separatisti, la prospettiva di una guerra civile con il Consiglio è assai concreta e tanto più devastante in quanto il Consiglio taglia fuori la fazione lealista dal mare.
    Infine con una mossa a sorpresa Carnil, sacrificando il proprio orgoglio si reca nella Almarillan occupata a conferire con i rappresentanti dell'Impero e di Sylvania; a prezzo di un atto di vassallaggio, il principe si assicura l'intervento armato dell'esercito imperial-sylvaniano. Nella primavera del nuovo anno le truppe imperiali si mettono in marcia verso Rilmeren accompagnate da un numeroso esercito di Sylvania al comando di Fritz von Carstein arrivando fino alle mura della città senza incontrare resistenza; al contempo la flotta imperiale trasborda nella regione altri tremila soldati di Sylvania: in totale oltre 50,000 soldati sono stati radunati per l'assalto a Rilmeren. Un episodio curioso si verifica prima dell'assalto: il duca Konrad in persona si fa avanti e sfida a singolar tenzone il comandante della guarnigione della città, sfida che viene accettata dal comandante della Guardia Nobile. Lo scontro peraltro è senza storia: Konrad mostra una maestria e una potenza quasi sovraumane e infligge una umiliante sconfitta al nobile eldar.
    Avvilite e ben consce di essere senza speranza le forze del Consiglio offrono una resistenza piuttosto fiacca all'assalto che viene scatenato la mattina seguente; appena il nemico riesce a sfondare la prima difesa in molti preferiscono gettare le armi e arrendersi approfittando di un proclama di clemenza promulgato ufficialmente dallo stesso Konrad per Sylvania e dall'arpia Ilias in nome dell'Impero meridionale; alla fine la presa di Rilmeren costa poche centinaia di soldati.
    Presa Rilmeren i due eserciti vittoriosi marciano verso Galsinya dove Konrad ripete la sua sfida; ma questa volta il comandante della guarnigione si rifiuta, prendendosi bordate di fischi e insulti dai soldati sylvniani e per sovrappiù anche dai soldati schiavarazza e dalle arpie che non apprezzano la vigliaccheria del comandante della guarnigione. Galsinya offre una resistenza più accanita, ma la superiorità degli attaccanti è troppo schiacciante e la città cade dopo una giornata di duri combattimenti e circa un paio di migliaia di caduti.
    Peraltro dopo la presa della città il comandante della guarnigione viene catturato, per sua sfortuna, e sotto interrogatorio finisce per rivelare che il Consiglio della Corona, conscio delle scarse possibilità di resistere alle forze imperial-sylvaniane, ha raccolto tutte le sue forze nella città di Val Nira evitando deliberatamente ogni scontro in campo aperto, allo stesso modo i sostenitori più accaniti del Consiglio hanno abbandonato la città da mesi rifugiandosi a loro volta a Val Nira.
     
    A Balto e Last Century piace questo messaggio.
  2. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Regno di Minnonar

    La guerra è stata molto dura per il regno di Minnonar, ma la pace non è meno ricca di sfide per il nuovo sovrano e il suo popolo; in ottemepranza al trattato di pace le forze di Ilias restituiscono le province occupate alla sovranità di Minnonar ma questo è l'unico aspetto positivo della situazione: Sendylimion è stata teatro di un vero e proprio pogrom ed è praticamente spopolata; Aiquanore è in condizioni migliori ma la città capoluogo della regione, Ostsgil, è stata ridotta a un cumulo di rovine. La stessa Almarillan porta i segni della battaglia che ha portato alla presa della città; il Palazzo Reale in particolare è stato deliberatamente devastato. Il primo compito del nuovo governo sarà rimettere in sesto queste regioni; nel frattempo cominciano ad entrare in vigore le clausole del trattato accettato da Carnil per salvare il suo regno: le alleanze precedenti coi paesi nordici vengono lasciate cadere e ci si prepara all'imminente arrivo di una Residente Imperiale.
    Per quanto duro da accettare per gli orgogliosi eldar, il vassallaggio porta comunque qualche vantaggio al regno degli eldar; le armate congiunte di Sylvania e delle Arpie infatti invadono il territorio del Consiglio conquistando Rilmeren e Galsinya e restituendole al governo centrale, schiacciando la ribellione dei nobili anche se Val Nira rimane ancora in mano al Consiglio della Corona.
    Sul fronte opposto, numerosi colloqui fra il principe Carnil e i rappresentanti dei Separatisti portano ad un accordo di massima per una composizione pacifica della rivolta; i Separatisti si riuniranno al corpo principale di Minnonar non appena verrà celebrato il matrimonio fra il figlio di Carnil e una delle maggiori esponenti della fazione ribelle; il fidanzamento dei due promessi viene già annunciato nel corso di una piccola celebrazione tenuta in occasione del ritorno della corte ad Almarillan ma la composizione finale viene rimandata al prossimo anno, quando si vocifera che il principe Carnil varerà anche una nuova costituzione del regno. Sempre in occasione del fidanzamento vengono prodotti una serie di artefatti in legno, con rappresentaioni in massima parte ispirate alla natura e all'augurio di una migliore sorte; si segnala comunque anche la creazione di una certa quantità di giocattoli distribuiti gratutiamente agli orfani della Grande Guerra.
    Le limitate risorse del regno vengono impiegate per mettere in atto delle opere di irrigazione nella regione di Ainatur mentre tecnici prendono la strada di Sylvania ma anche di Centaurestria e del Branco di Kor'voth, stati coi quali il principe Carnil vorrebbe mantenere buoni rapporti, anche se a Kyrne Lamiya le arpie storcono il naso nel vedere tanta buona disposizione verso i centauri.
    Si segnalano anche la costruzione di un nuovo magazzino ma soprattutto un profondo rinnovamento della corte col reclutamento di numerosi nuovi collaboratori da parte del principe Carnil, un ulteriore manifestazione del nuovo reggente eldar di rottura col passato regime.
    Infine, un episodio bislacco: in primavera il principe Carnil si vede recapitare dal suo signore feudale, il duca Konrad come dono dal signore al proprio vassallo...una fornitura compelta di pomoli in mithril purissimo da usare per porte e finestre. Un ennesimo segno, qualora ce ne fosse bisogno, della verve un pò lunatica del Duca.
     
    Ultima modifica: 09/10/2018
    A Last Century piace questo elemento.
  3. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Dominio dei Frostlings

    Rimasto fuori dalla Grande Guerra, il Dominio prosegue nella sua opera di sviluppo interno ampliando e abbellendo la città di Casa delle Nebbie come anche il porto di Bianco cristallo mentre viene costruito un nuovo porto nella città di Porto Sabbioso. Al tempo stesso vengono maggiormente stretti i rapporti con il regno della tempesta tramite la creazione di numerose rotte commerciali. Ma l'evento che più suscita scalpore è certamente l'incontro con una sirena dei mari del nord e i suoi successivi sviluppi. La flotta dei frostlings infatti viene infatti scortata da migliaia di sirene e tritoni i quali, stando a quanto si dice, avrebbero aiutato i frostlings a ritrovare e recuperare un enorme tesoro dalle profondità marine. le voci a proposito dell'incontro con le schive creature marine, testimoniato da numerose navi mercantili che incrociavano la rotta seguita flotta del Dominio, e del favoloso ritrovamento fanno il giro di tutta Ea diventando l'argomento preferito di conversazione dopo la Grande Guerra. Forse proprio per tutelarsi da eventuali aldri il dominio richiama nei propri territori la maggior parte delle truppe impiegate alle'stero, comprese quelle prestate dal regno della Tempesta e restitutie alla firma della pace, e procede a reclutare diversi nuovi reggimenti. Si segnalano infine le consuete distribuzioni gratuite di vini e alcolici e numerosi investimenti nel campo della ricerca del sapere.
     
  4. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Regno della Tempesta

    Sia pure di malagrazia, re Stannis accetta il trattato di pace che pone la parola fine alla Grande Guerra e in ottemperanza al trattato ritira dal territorio di Minnonar tutte le proprie forze sia quelle propriamente del regno sia quelle prezzolate. Peraltro la svolta nella politica estera del nuovo sovrano di Minnonar viene presa molto male alla corte di Bastiglia d'Ishitara; re Stannis accusa apertamente il nuovo re di avere infranto storici trattati di alleanza e di aver tradito la grande alleanza che ha combattuto contro la coppia di tiranni costituita dalle arpie e dal folle duca di Sylvania; ovviamente i rapporti fra le due nazioni divengono molto tesi. Nelle settimane successive alla firma del trattato la flotta reale viene avvistata più volte appena al largo delle coste di Minnonar. A precisa richiesta di quali siano le intenzioni della flotta reale, la cancelleria di Bastiglia d'Ishitara rilascia una breve nota affermando che non è stata compiuta nessuna violazione del trattato; semplicemente la flotta reale, incrociando casualmente nel mare stretto, si è imbattuta in "alcuni profughi disperati in fuga dall'oppressione di Sylvania e dalle atroci rappresaglie delle arpie" e si è trovata "moralmente obbligata" a fornire loro aiuto ed assistenza.
    Mentre per iniziativa reale vengono operate nuove distribuzioni gratutie ci dibo e alcolici per festeggiare il ritorno alla pace, le tasse vengono aumentate; peraltro la corte non si cura di fornire spiegazioni per questa apparente contraddizione anche se i soliti bene informati sostengono che questa misura è stata necessaria per poter pagare la prima rata della enorme somma contrattata per l'acquisizione dell'isola di Anemonia e della città di Justa dall'Impero meridionale. Peraltro quando il nuovo governatore dell'isola giunge in città la trova pressochè deserta dato che prima di cedere la regione l'impero ha provveduto ad evacuare completamente la popolazione. Interrogato sulla questione l'ambasciatore dell'impero risponde con una scrollata di spalle "L'Unione di Carandor ha stabilito un precedente in questo senso quando ha ceduto delle regioni interamente evacuate a Sylvania. E del resto nell'accordo di cessione non si faceva menzione alcuna agli schiavarazza della regione, per cui l'impero sostiene che il trattato di cessione è stato rispettato alla lettera e si aspetta che il regno della Tempesta farà lo stesso."
    Decisamente alla conclusione della pace non sembra essere seguita una distenzione dei rapporti fra i due blocchi, tanto più che le arpie rendono noto che continuano a rifiutare la dottrina di intervento in dfiesa dei commerci proclamata alcuni anni fa da Stannis considerandola "nient'altro che uno slogan per le guerre di aggressione".
    Anche se la tensione non accenna a diminuire il Regno si adopera per sfruttare il più possibile il ritorno della pace; in particolare vengono stretti i rapporti con il Dominio dei Frostlings con la sottoscrizione di nuove rotte commerciali mentre vengono riviste alcune rotte di import-export con gli stessi Frostlings ma anche con la Contea, naga, centauri e Formian: la cancelleria di Bastiglia parla in questo caso di "ottimizzazione e razionalizzazione delle risorse".
    Infine sis egnala il reclutamento di numerosi nuovi reggimenti, segno che il Regno della Tempesta continua ad aspettarsi guai nel prossimo futuro ed intende cautelarsi per quanto possibile.
     
  5. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Domini del Drago

    E' un anno molto attivo per il territorio sottoposto ai dragonidi sudditi di Shooting Star; il nuovo governante Haku sembra infatti deciso una buona volta aripulire il nome dei dragonidi e invia una serie di ambascerie all'estero per cercare di distendere i rapporti con i vicini e porre le basi per una futura estensione dei rapporti, aprendo per quanto possibile i confini dei Domini. Missioni diplomatiche si spingono persno fra le Spriggan e nella lontana Contea.
    La nuova politica non tarda a dare frutto e col nuovo anno viene annunciata la creazione di alcune rotte commerciali con la vicina Britannia. Sul fronte interno si segnala la costruzione di un nuovo granaio nella regione di Korvajuund mentre viene ampliata la torre di magia di Dragonreach. Discreti investimenti vengono effettuati per migliorare le tecniche commerciali dello stato, in linea con la nuova politica di apertura.
    Nel corso dell'anno giungono segnalazioni da parte dei pescherecci impegnati nelle regioni del mare dei naufraghi e del amre soltiario: i comandanti affermano che anni di sfruttamento intensivo hanno esaurito i banchi di pesci della regione e richiedono una nuova assegnazione. Sis egnala anche una nuova ondata di conversioni al Culto di Tiamat; al momento in tutta Ea solamente i Domini e, sia pure in forma diversa, il regno dei centauri permettono l'aperta adorzione della Dea del Caos e l'esempio dell'Antico Drago costituisce un forte incentivo alla conversione agli occhi dei dragonidi.
     
  6. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Reame Spriggan

    La conclusione della Grande Guerra porta alcuni vantaggi indiretti anche alle Spriggan dato che l'Impero meridionale, nella persona della Residente di Arc-en-Ciel, stava effettuando pressioni diplomatiche sulla Regina Eterna relativamente ai rapporti delle driadi con Carandor e Minnonar; la fine del conflitto segna anche un rinnovato disinteresse delle arpie in questo senso e la questione viene lasciata silenziosamente cadere.
    Le Spriggan possono così continuare a migliorare i loro rapporti con il regno elfico inviando anche una missione diplomatica a prendere contatto col nuovo sovrano degli eldar mentre per regolare e possibilmente incentivare l'espansione dei commerci viene fondata con decreto reale la Gilda Commerciale Spriggan, una iniziativa che si spera andrà direttamente a beneficio dei mercanti umani del regno e indirettamente a tutto lo stato Spriggan.
    Il nuovo anno vede anche un rifiorire di attività edilizie (o almeno del loro equivalente vista la particolare tecncia di costruzione dlle driadi) come testimonia l'ampliamento e abbellimento delle città di Klazomenai e Sybaris oltre alla costruzione di un nuovo magazzino e di una caserma per razionalizzare la mobilitazione delle risorse umane del regno in caso di necessità.
    Sul piano dei rapporti diplomatici viene rinegoziato in un senso leggermente più favorevole il trattato di concessione del monopolio in vigore con Sylvania mentre vengono effettuati massicci investimenti nella ricerca magica; parte del denaro necessario viene raccoltot ramite la nota abilità delle Spriggan nel campo della lavorazione del legno che permette dic reare artefatti molto richiesti sul mercato.
     
    A Last Century piace questo elemento.
  7. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Sacro Impero di Britannia

    La firma del trattato di pace viene accolta in Britannia con grande sollievo, come delr esto in tutta Ea. con la fine della guerra entrano anche in vigore le clausole concordate nella revisione dell'alleanza con l'Impero meridionale il cui presidio, in ottemperanza al nuovo trattato, riprende la via del sud con la sola eccezione delle guardie personali di Shayla. Il nuovo anno vede anche il perfezionamento delle trattative per il matrimonio fra la ein'keth Anna Never e il generale Odisseus Vi Britannia.
    L'esercito di Britannia, coeprtosi di gloria sul fronte prende la via del nord e rientra a Britannia seguendo la Strada Reale. Peraltro il sacro impero non sembra intenzionato a riposare sugli allori ed effettua numerosi reclutamenti per compensare le perdite della Grande Guerra.
    Sul fronte interno l'avvenimento principale, oltre al progettato matrimonio, è certamente la promulgazione dello statuto della Corporazione dei Mercatanti il cui primo rettore è nientemeno che Marianne VI Britannia la sorella minore dell'imperatore Lelouch, eletta con voto unanime dai plutocrati del regno. Viene inotlre costruita una nuova città nella provincia di Ninios, battezzata con grande semplicità col nome di Villeneuve mentre nella capitale sorge una nuova caserma allo scopo di meglio coordinare le attività legate al reclutamento e formazione degli eserciti. Sul fronte del commercioe stero vengono create delle nuove rotte con i Domini del Drago mentre viene rivista la rotta commerciale di esportazione di cristalli di mana con l'impero meridionale; infine colt ermine della guerra le tasse vengono riportate ai livelli ordinari.
    Nel complesso un anno decisamente positivo per il Sacro Impero, che però nell'autunno viene scosso da un vero e proprio avvenimento-bomba. Nel mese di ottobre infatti viene pubblicato un libro scritto da una delle immigrate dell'Impero, l'arpia nota in Taraska col nome di Whisper. Lo scritto, intitolato in maniera molto significativa "Dottrina di Ora e Sempre" infatti si pone in fragorosa contrapposizione con la "Dottrina Eterna" pubblicata dall'arpia Siferra meno di due anni prima. Lo scritto inizia con una lunga disamina degli atti di fedeltà compiuti da domestici e schiavarazza in favore delle arpie e prosegue poi con l'esaltazione delle ein'kethi e del loro ruolo di ponte fra le arpie e le razze soggette; ma quello che più colpisce è il divero approccio nei confronti di queste ultime. "In ogni schiavarazza è presente lo spirito di una ein'keth" scrive Whisper "siamo noi a dover fare in modo che le prede desiderino entrare nel nostro gregge, che comprendano quanto le nostre razze sono in realtà interconnesse e la nostra prosperità sia la loro". Il libro prosegue delineando una visione molto diversa da quella espressa nella "Dottrina Eterna": nel suo scritto, pur riaffermando con forza la superiorità delle creature alate, Whisper delinea una società ideale dove le arpie sono dipinte come sovrane illuminate, con precise responsabilità nei confronti delle altre specie viste un pò come bambini che debbono essere tutelati e protetti: in un passaggio divenuto subito famoso Whisper definsice questa politica "il fardello della razza alata". In tutto il libro non vi è traccia alcuna del cupo supremalismo di Siferra e Ilias ma al tempo stesso si discosta molto anche dalla visione di arpie più moderate come la stessa Shayla. Nel complesso la "Dottrina di Ora e Sempre" sembra più di ogni cosa la visione di una arpia che è abituata a vivere insieme alle altre razze e ha sviluppato una nuova concezione di convivenza, sia pure sempre colorata dal complesso di superiorità tipico della razza alata; ma il fatto stesso che la convivenza venga presa in esame e seriamente propugnata come desiderabile è qualcosa di nuovo per le Arpie e la loro visione del mondo.
    La "Dottrina dell'Ora e Sempre" ha una grandissima diffusione fra le arpie di Britannia e dopo breve tempo si diffonde anche nell'Impero meridionale dove trova una sorprendente adesione soprattutto nelle arpie più giovani, specificatamente quelle nate negli ultimi trent'anni dopo la Conquista, e che più sono abituate a vivere a contatto con le altre razze. La violenta polemica che nasce fra le sostenitrici della "Dottrina Eterna" e della "Dottrina dell'Ora e Sempre" coinvolge sia le arpie di Britannia che quelle dell'Impero meridionale eclissando persino i dibattiti dei tempi dell'Assise di Kyrne Lamiya.
     
    A Last Century e Dyolance piace questo messaggio.
  8. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Il Formicaio

    Grazie all'utilizzo della magia di cura ricercata dai dragonidi viene finalmente posto un argine alla Grande Peste che da anni infuria sulle terre dei Formian. Le regioni dove viene lanciata la magia di cura registrano la rapida scomparsa della malattia ed ora non resta altro che estendere la cura a tutte le regioni dove la pestilenza ha messo radici, e dove tuttora si registrano diversi morti, ma ormai è solo questione di tempo. I maghi reali prevedono che in uno o due anni al massimo la pestilenza diventerà un ricordo, a condizione che la magia di cura venga lanciata su tutte le regioni dove si è manifestata l'epidemia.
    Proseguono le attività costruttive con l'erezione di ben due nuove torri di magia e l'ampliamento di un porto, i Formian sembrano inoltre più che mai guardare al commercio con l'estero coem testimoniano le nuove rotte create con Sylvania e con la Contea. Per ordine della Regina dell'alveare un nuovo mago viene addestrato ed enta a far parte della corte mentre vengono effettuati corposi investimenti nella ricerca magica.
     
  9. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Ducato di Sylvania

    L'aver ottenuto che il regno di Minnonar abbia spontaneamente accettato un trattato di vassallaggio è probabilmente uno dei migliori successi della storia del Ducato, ma come sempre Konrad trasforma la cosa in una mezza farsa, un pò con la bizzarra cerimonia tenuta ad Almarillan, un pò col dono di pomoli di mithril per le prote del palazzo reale...comunque fra una mattana e l'altra il duca si ricorda anche di ratificare il trattato di pace che pone fine alla guerra il che è già un successo.
    In ottemperanza ai suoi doveri di sovrano, Konrad ordina alle'sercito ducale di amrciare contro i ribelli del Consigliod ella Corona, accomapgnato dalle'sercito imperiale di Ilias. La campagna è una marcia trionfale e porta alla presa di Rilmeren e Galsinya, ma risulta evidente che da tempo il Consiglio stava preparandosi a questa evenienza e che le forze militari dei nobili otlre a tutti coloro che erano decisi a non vivere sotto il nuovo regime sono fuggiti a Val Nira.
    Sylvania comunque non si dedica solamente alla guerra: vengono stabilite nuove rotte commerciali con il Formicaio e viene concordata una rettifica al trattato di monopolio con le driadi. Non viene trascurata nemmeno l'attività edilizia: la città di Nachtheim viene ampliata e le sue difese rinforzate nonchè dotata di una caserma. Tecnici provenienti da Minnonar si adeporano per aiutare il Ducato a sviluppare maggiormente la tecnologia socio-culturale mentre grossi investimenti vengono effettuati specialmente in tech militare.
    Mentre il Duca si dedica alle avventure guerresche la duchessa rayla si occupa di distribuire equamente il denaro del cosiddetto fondo Fritz von Carstein e bisogna ammettere che come reggente la ex-capitana dei mercenari se la cava decisamente meglio dello stesso Konrad, riuscendo molto popolare fra tutte le classi del ducato. Anche le attività della Scoietà della Luce registrano un netto ribasso e dopo anni di jacqueries e incendi di tenute dei nobili, le forze ducalis embrano in procinto di riprendere il controllo della situazione.
    Si segnala anche la concessione del permesso di transito ai rapporti commerciali eventualmente composti fra Minnonar e il Branco di Kor'voth.
     
  10. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    La Contea

    Gli hobbit sembrano ormai essere specializzati in conflitti la cui durata si misura in decenni e che non si concretizzano mai in battaglie sia pure di piccola entità...e intanto ancora una volta i mezzuomini dislocati nella Zungaria cominciano a soffrire di nsotalgia di casa. Nel frattempo viene stretto un accordo comemrciale con la Waaagh per il transito di rotte commerciali compreso lo scalo nelle città goblin in cambio di aiuto nello sviluppo tecnologico; un trattato analogo con reciproco permesso dit ransito e scalo viene firmato con la Repubblica di Ambir. Lo scopo di tutte queste manovre si palesa quando il lontano regno di Nagrond accetta di vendere partite di ferro alla Contea in cambio di una fornitura di cibo, accordo con cui i nani si svincolano dalla dipendenza dalla Tecorazia di Agharti. Si segnalano anche la creazione di due nuove rotte commerciali con il Formicaio e la Repubblica di Ambir rispettivamente.
    Le attività diplomatiche proseguono con l'invio di una missione di tecnici verso l'impero meridionale per aiutare le arpie a sviluppare la propria tech commerciale e con la concessione agli gnoll del permesso di costruire una strada che raccordi una città del Branco con Solesplendente , la capitale della contea.
    I mezzuomini sembrano inoltre decisi a incrementare la produzione di cibo dello stato con la amgia; si segnalano ripetuti lanci di incantesimi di prosperità che portano ad un raccolto abbondante più della norma anche se alcuni si preoccupano per il fatto che si potrebbe alla lunga sviluppare una dipendenza da questo tipo di magia, dovesse la popolazione della Contea salire più del previsto.
    Viene ampliata la torre di magia di Altoclivo mentre ancora una volta i mezzuomini si confermano lo stato che più investe nella ricerca tecnologica; enormi somme finanziano il lavoro di tecnici e scienziati e la ricerca scientifica conosce nella Contea una vera e propria età dell'oro.
     
  11. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Impero Rahonavide

    Si intensificano i rapporti commerciali con gli gnoll grazie alla creazione di nuove rotte commerciali: il Branco esporta ferro in territorio Rahonavide mentre questi ultimi vendono al Branco una certa quantità di vino ed alcolici con l'accordo di mantenere le quantità in modo tale che la somma algebrica delle due rotte sia in perfetto equilibrio. Proseguono i preparativi militari: mentre l'esercito viene riportato in piena efficienza nuovi reggimenti vengono reclutati e suddivisi fra gli eserciti esistenti; permangono comunque le preoccupazioni dei vertici militari per la situazione pericolosa generata dall'avere un nemico potenziale a sud, la Teocrzia di Agharti, e un nemico certo alle porte, la caduta Astartes, ormai saldamente insediata nella necropoli di Carcharoth, e i suoi cadaveri ambulanti.
    Sul fronte interno viene ampliata la torre di magia della città di Athoxarta e viene deciso di impiantare una nuova distilleria nella regione di Zarkhana, nota per la ricchezza delle sue vigne. Una nuova mineira viene costrutia nella regione del Picco di Sarvan. Prosegue il programma di spostamento coloni per popolare le regioni recentemente acquisite anche se i sauriani cominciano ad essere pericolosamente dispersi su un territorio molto vasto, anche se è l'unico modo epr ptoer sfruttare le risorse di tutte le regioni. Il nuovo anno segna nuovi contatti diplomatici con l'Impero delle Arpie; forse a cagione della comune natura predatoria i due imperi sono sempre stati in buoni rapporti e hanno già condotto progetti in comune; in questo caso
    sembra trattarsi di una visita personale dell'arpia Shiver al principe Kairos ed alla sua affascinante consorte.
    Si segnala anche un corposo investimento nella ricerca volta a perfezionare l'apparato burocratico della nazione.
     
  12. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Trollheim

    L'insediamento di Astartes ai confini nord preoccupa molto il Grande Boss dei Troll che decide di dedicare le limitate risorse della nazione al rafforzamento delle proprie forze militari. Con grande sacrificio vengono allevati alcuni Divoratori e messi insieme diversi reggimenti di fanteria, equipaggiata nella variegata accozzaglia di armi e armature tipiche dei troll ma addestrate e inquadrate in una imitazione delle tattiche sauriane. Per cercare di dotarsi di qualche unità di fanteria corazzata viene aperta una miniera nella regione di Colletorto ma i troll sembrano essere pronti a prendere in considerazione anche l'occupazione della regione di Ural, un tempo appartenente alla defunta nazione di Sovremeneji ed ora infestata da non morti vaganti.
     
  13. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Matriarcato di Kalassia

    Come succede a intervalli irregolari, il Matriarcato sembra nuovamente pervaso da una di quelle ondate di energia che occasionalmente lo portano a sprazzi di attività convulsa, seguita poi da diversi anni di letargo e raccoglimento. Il nuovo anno vede una massiccia attività edilizia da parte degli elfi scuri che procedono a costruire ben due nuove cittadelle nelle regioni di Collaterrato Basso e Colengol (in questa ultima viene anche eretta una segheria), chiamate rispettivamente Lyoran e Rok'sa. Due nuove fattorie vengono costruite nelle regioni di Bruinen e Cloibbra mentre una nuova segheria viene costruita a Ruscetell e un granaio nella capitale di Kalassia.
    Tutta questa attività edilizia richiede fondi ingenti e il ministero delle finanze degli elfi scuri decide a questo proposito di aumentare le tasse a tutti gli appartenenti alle razze di umani, sauriani e troll presenti nei territori del Matriarcato...dimenticando però che tutti gli individui delle razze in oggetto sono schiavi privi di beni di qualsivoglia natura. La terribile cantonata costa cara al ministro delle finanze che pochi giorni dopo muore di morte naturale, cosiddetta perchè è naturale che un uomo pugnalato al cuore più volte muoia, per l'appunto. Secondo i costumi drow l'accusatore più acceso nonchè probabile assassino dell'ex-ministro (o almeno così si pensa; le prove non verranno mai trovate) viene nominato nuovo ministro nella speranza che prende migliori misure in campo economico.
     
    A Balto, Monitor_Dundee, Mikhail Mengsk e 6 altri utenti piace questo elemento.
  14. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Khanato di Zungaria

    In vista della sempre più probabile campagna contro la Teocrazia di Agharti Rangor Khan concede ufficialmente il permesso di transito alle armate di Contea e Sauriani. I preparativi sono ormai tanto evidenti che la Teocrazia senza dubbio sarà messa sull'avviso da quanto stà accadendo fuori dai suoi confini. Mentre i venti di guerra soffiano sempre più forte nel lontano est i minotauri si decdicano alla costruzione di una nuova città a nome Gal-Bator nella regione di Totrenor mentre le due città esistenti vengono dotate di magazzini in modo da evitare sprechi delle già ridotte risorse della Zungaria. Un nuovo mago-sciamano viene addestrato ed entra a far parte della corte del grande khan degli Zungari, probabilmente sempre in vista della futura campagna.
     
  15. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    La Guerra Fratricida dei Pelleverde

    Crollata l'ultima resistenza degli schiavi ribelli e reclutata una ingente quantità di guerrieri i goblin attaccano ancora una volta l'esercito dell'Orda che stà assediando Narakal; gli orchi, dotati di numerosir eggimenti corazzati e ben superiori ai goblin per stazza e capacità guerriera si trovano questa volta in netta difficoltà: non solo i goblin hanno messo in campo otlre 33,000 soldati ma il mago goblin aggregato all'esercito dà fondo a tutti i suoi poteri lanciando una serie di incantesimi volti a indebolire e confondere le'sercito nemico arrivando persino a far si che alcuni reggimenti di orchi si combattano fra loro causando perdite e confusione nelle forze nemiche. Infine, sia pure dopo abbattuto oltre 5mila soldati goblin, gli orchi vengono respinti dalle mura di Narakal ed avendo subito a loro volta gravi perdite fra la fanteria corazzata, nonchè rischiando seriamente di vedere il fianco sinistro messo in rotta, le forze dell'Orda decidono di ripiegare nelle colline di Zul'jin dove possono ricevere rinforzi dal Lupo Bianco e appoggiarsi alla città di Khas Orkinal.
    Padroni del campo e dopo aver liberato la città dall'assedio i goblin festeggiano grandemente la vittoria che potrebbe essere un punto di svolta nella guerra specialmente poichè la Waaagh sembra essere in grado di rimpiazzare le proprie perdite con motl maggiore facilità della Nuova Orda e pazienza se varie migliaia di soldati vengono lasciati sul terreno dopo gli scontri: nel territorio della Waaagh sembra esserci una provvista infinita di goblin con cui rimpiazzare le perdite....
     
  16. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Grande Waaaagh Goblin

    La seconda grande rivolta degli schaivi viene finalmente schiacciata, dopo anni di sforzi, lasciando però molti territori territori goblin notevolmente impoveriti senza contare che la carenza di schiavi stà generando ntoevoli problemi in uno stato che da sempre ha fatto dello schiavismo il perno di tutta la propria attività produttiva. Nonostante questi problemi, la Waaaagh è ancora abbastanza forte da reclutare nugoli di goblin da usare come carne da macello al fronte come testmonia il successo nello spezzare l'assedio di Narakal.
    Mentre la guerra infuria ai confini nord-orientali, vengono stipulati alcunit rattati dig rande improtanza con la Contea: tecnici halfling vengono inviati per aiutare la ricerca nella tecnologia magica mentre in cambio gli hobbit ottengono il permesso dit ransitoe scalo per i propri mercanti, principalmente allo scopo di contattare i nani di Nagrond.
     
  17. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Nuova Orda

    Dopo la sconfitta patita nella seconda battaglia di Narakal la guerra sembra offrire meno prospettive di successo poichè come tutti sanno, rimpiazzare le perdite dell'esercito è molto più facile per i goblin che si moltiplicano come mosche ee dominano un territorio ricco di risorse che per gli rochi signori di un vasto ma poveror eame nelle steppe orientali. A peggiroare le cose, la rotta commerciale di importazione ferro con Ambir viene interrotta dall'assalto di ignoti predoni che attaccano le carovane saccheggiando il rpezioso carico, bruciando carri e masserizie e massacrando le guardie carovaniere. La perdita del ferro di Ambir è un duro colpo proprio nel momento in chui la Nuova Orda sit rova nella necessità di rimpiazzare le proprie perdite nella fanteria pesante e potrebbero indurre il Kapoguerra e gli sciamani ad aprire trattative di pace.
     
  18. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Regno di Nagrond

    A seguito delle trattative con la lontana Contea, il regno di Nagrond accetta di sostituire la Tecorazia con gli hobbit come fornitori di cibo e deviano verso la Contea le proprie esportazioni di ferro creando una lunga rotta commerciale che passa per i territori della Repubblica di Ambir e dei Goblin. L'interruzione del commercio verso nord però non viene preso bene dalla Teocrazia di Agharti: nel momento in cui le carovane cessano di partire l'esercito della Teocrazia è già in marcia: si tratta evidentemente di un piano a lungo preparato e tenuto ins erbo per la prima occasione e i nani vengono colti completamente imrpeparati: le regioni 9 e 2 di Nagrond vengono catturate rapidamente e i nani che le abitavano vengono ridotti in schiavitù e costretti a estrarre ferro per Agharti. Le truppe dell'Alto Re si radunano davanti alla capitale di Belegost pronti a dare battaglia ma a sorpresa vengono sonoramente sconfitti: i maghi della Teocrazia fanno la differenza lanciando magie innocue per i nani, ma esiziali per armi e armature: asce e corazze vengono infatti parzialmente trasmutate in bronzo ed altre corrotte da ruggine col risultato che la rinomata fanteria pesante nanica viene malamente indebolita e successivamente travolta dalla carica di ben 4000 cavalieri pesanti. Il finrie dell'anno vede il regno in ginocchio e la città di Belegost assediata; la rotta con gli hobbit interrotta sul nascere.
     
    Ultima modifica: 14/10/2018 alle 22:54
  19. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Teocrazia di Agharti

    Sempre più massicci ed evidenti i preparativi di guerra della tirannia religiosa di Agharti che oltre ad arruolare truppe a pieno ritmo da inizio a lavori di ampliamento e fortificazione della capitale oltre ad erigere una nuova cittadina, a scopo preattamente difensivo, nella regione 3 col nome di Klatozar. Parallelamente la stretta del governo degli Arconti su qualunque individuo sospettato di eresia e più in generale di dissentire dalle politiche teocratiche si fa sempre più opprimente; diversi liberi pensatori vengono arrestati con l'accusa di essere spie od eretici e l'atmosfera interna dello satto si fa assai cupa.
    Alla notizia che Nagrond intende interromepre la rotta di esportazione di ferro verso Agharti, gli Arconti non esitano un secondo a mettere in atto un piano lungamente progettato e pianificato nei minimi dettagli: l'invasione preventiva del regno nanico. La campagna inizia con un clamoroso successo, i nani vengono colti di sorpresa e sbaragliati davanti alle mura della loro stessa capitale che viene posta sotto assedio; frattanto due regioni vengono occupate e i loro abitanti convertiti in schiavi e messi senza indugio a estrarre ferro per le armate di Agahrti.
     
  20. Silen

    Silen SoHead Sith

    Registrato:
    05/11/2010
    Messaggi:
    13.817
    Impero dell'Arpia

    La conclusione della pace viene accolta con soddisfazione e festeggiamenti in tutti i territori dell'Impero e anche le arpie sembrano tutto sommato contente di essersi finalmente svincolate da una guerra che divorava quantità enormi di risorse e di vite senza portare alcun vantaggio concreto. Non appena la pace viene proclamata pubblicamente le tasse vengono riportate ai livelli ordinari e così le quote destinate a tutte le Sorelle.
    Nel corso dell'anno i maghi dell'Impero meridionale si occupano delle regioni nelle quali si è diffusa una strana epidemia che pur non essendo mortale, indeboliva produttività e riduceva le possibilità di reclutamento; la malattia risulta completamente debellata. Anche l'epidemia del bestiame che recentemente ha colpito il Territorio di Caccia si mostra resistente alle cure ordinarie e si vocifera che anche essa sia originata dalla magia e lanciata da un paese ostile. Mentre i maghi imperiali studiano una cura, vengono importate grandi quantità di cibo, in particolare pesce e carne conservati con la magia, dagli stati confinanti.
    Dopo molti anni di sforzi e intenso lavoro nonchè l'importazione di artigiani nanici dal Branco di Kor'voth appositamente a questo scopo, i lavori nella regione dei Colli Neri sono finalmente completati e i Colli Neri diventano nientemeno che la seconda Forgia di Mithril di Ea: tramite una eruzione controllata e alimentata con la magia il materiale rovente viene estratto delle profondità delle terra e incanalato verso un immenso complesso di forge costruito a immagine di quelle ora in possesso di Sylvania. In molti si stupiscono nel capire che l'incantesimo distruttivo lanciato nella regione di Shatima era stato inizialmente concepito per quest'opera e non per uso bellico; successivamente le arpie debbono aver realizzato che sovraccaricare la magia con l'uso di una quantità superiore di cristalli poteva avere grande utilità anche nella guerra in corso.
    La cessione, concordata con il regno della Tempesta e con i Naga dell'isola di Anemonia e della regione di Aztlan, come anche il ritorno di tutte le regioni occupate dal nemico durante la guerra, provocano una serie di sconvolgimenti interni. Per ordine di Silene infatti anche se Justa viene lasciata alla Tempesta, secondo i patti, la popolazione viene interamente deportata, in parte sul continente e in parte a Lannach. La popolazione di Aztlan, molto poco numerosa al confronto, non viene giudicata tanto rilevante da organizzare un esodo analogo, ma le arpie della regione decidono comunque di propria iniziativa di abbandonare la regione e trasferirsi nel Territorio di Caccia. Nel corso dell'ultimo colloquio fra la Residente di Aztlan, Glass, e l'Inviata dei Naga, l'arpia declina l'offerta della confederazione di rimanere con una scrollata di spalle "Rimanere significherebbe separarsi dallo Stormo, essere separate per sempre dalle nostre Sorelle e Figlie. Anche se lasciare i nostri nidi ci addolora, questo semplicemente non può essere." la successiva offerta dell'Inviata di un risarcimento per le proprietà andate perdute viene accettato e frutta alla naga un saluto raramente rivolto alle prede, a braccia incrociate sul petto con ogni mano che tocca la spalla opposta. Per Glass e le arpie di Aztlan viene eretta per volontà di Silene una nuova città, Krissarei nella regione di Kahjs. Il ritorno di Biara e delle altre esuli ad Ardinul-ghazir non è altrettanto pacifico. Mentre costruttori e tagliapietre sciamano nella città per ampliarla e riorganizzarne le difese, tutti coloro che hanno collaborato colr egime occupante vengono accusati di tradimento e arrestati, fra questi anche Amin al-Raimi e l'elfo Calimon Eruanni. Scortati da oltre mille soldati, i due vengono tradotti a Kyrne Lamiya per essere processati e , presumibilmente, condannati.
    La ristrutturazione di Ardinul-ghazir e la costruzione della nuova città di Krissarei non sono le uniche attività edilizie di quest'anno: lavori analoghi vengono intrapresi ad Iskandara che vede anche il proprio porto ampliato, così come quello di Eskilos; anche Aravesia viene ristrutturata ed ampliata e diventa la seconda città dell'Impero ora che Justa è stata ceduta. Sorgono anche due nuove torri di magia e quella di Kyrne Lamiya viene ampliata.
    Sul fronte della diplomazia, l'Impero è molto attivo. In ottemperanza ai trattati con Britannia il rpesidio viene ritirato da Taraska e vengono portati a termine i negoziati per il matrimonio reale fra un membro della diinastia regnante ed una ein'keth; il matrimonio è fissato per il prossimo anno. Una missione diplomatica raggiunge il lontano impero rhonavide mentre vengono accolti tecnici hobbit il cui compito è migliorare il lviello della tecnologia commerciale dell'Impero. Un importante accordo viene siglato con la Repubblica di Ambir che si vede offrire un vantaggioso trattato commerciale ottenendo permesso di transitoe di scalo per i propri mercanti nonchè un gran numero di nuove rotte commerciali; Silene afferma infatti pubblicamente che "i amri non sono sicuri per il commercio" e che "le Sorelle cercheranno vie alternative". Tutte le rotte interrotte dalle navid el regno della Tempesta durante la guerra vengono dunque lasciate cadere e non verranno riprestinate. Si attende entro breve tempo anche la nomina della Residente Imperiale per Almarillan, un compito certamente delicato viste le recenti guerre sanguinose. A seguito del cambio di alleanze di Minnonar l'esercito di Ilias riceve l'ordine di assistere le forze di Sylvania nella riconquista delle regioni del Consiglio della Corona, in una campagna che frutta la riuconquista di Rilmeren e Galsinya, subito riconsegnate al governo elalista di Carnil.
    Nonostante la fine della guerra, le arpie continuano a reclutare, sia pure a ritmo un pò meno forsennato, chiaro segno della scarsa fiducia che le creature alate hanno nei propri vicini. Sis egnalano anche diversi investimenti nei vari campi del sapere.
     
Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.

Condividi questa Pagina