1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
  2. Ai compagni fedeli alla linea ci servono ancora i vostri soldi... per il rinnovo del server. Grazie dell'obolo

  3. Famo partì sto fantacalcio. E' tempo di rosicare
  4. E' resuscitato il vecchio gdr Cyberpunk, controlla nell'Antro dei Nerd, barbone.
SoHead: La community senza protesi mammarie

Regole speciali

Discussione in 'Regolamento' iniziata da Rebaf, 04/09/2011.

Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.
  1. Rebaf

    Rebaf Get a life Fantasy League Fantacalciaro

    Registrato:
    19/09/2008
    Messaggi:
    25.143
    Località:
    Bildungsroman
    Regole speciali

    Seguono un elenco di regole speciali che non hanno trovato spazio in altre sezioni a causa della loro particolarità.

    Sacro Romano Impero

    Il Sacro Romano Impero è un'entità feudale molto particolare, discendente dell'Impero Carolingio e con la rivendicazione di essere i diretti discendenti dell'Impero Romano d'Occidente. Al contrario di altre realtà feudali, come la Francia, l'Imperatore non viene scelto dinasticamente ma viene eletto dai principali feudatari imperiali in una assemblea. Questa prende il nome di dieta, ossia una riunione che l'Imperatore indice con i grandi dell'Impero al fine di prendere decisioni comuni. Il Sacro Romano Impero rimane un'entità territoriale vastissima ma con un potere effettivo nullo sui suoi territori che, invece, sono governati dai vari nobili in modo del tutto indipendente. Questo fa sì che, a livello di gameplay, lo SRI venga considerato come più stati che riconoscono in uno di loro il ruolo di Imperatore, il quale titolo fornisce alcuni bonus.

    In Leader 1145, attualmente, le entità statali che compongono l'Impero sono:

    - Ducato di Sassonia
    - Ducato di Svevia
    - Ducato delle Basse Fiandre
    - Regno di Boemia
    - Marca di Brandeburgo
    - Marca di Meissein
    - Ducato di Bavaria
    - Ducato di Carinzia
    - Libera Città Imperiale di Aquisgrana

    Inoltre, nonostante siano realtà del tutto indipendenti tra loro, mantiene ideali rivendicazioni su:

    - Ducato di Milano
    - Repubblica di Genova
    - Repubblica di Toscana
    - Repubblica di Siena

    Come diventare Imperatori

    Alla morte di ogni Imperatore una dieta verrà automaticamente convocata per decidere chi sarà il prossimo imperatore. Starà ai giocatori interfacciarsi tra di loro per prendere una decisione comune da prendere nella dieta o, nel caso di differenze d'opinione invalicabili, per far partire una guerra intestina. Attenzione: nel periodo che va dalla morte di un Imperatore all'elezione del suo successo tutti i feudi dello SRI hanno casus belli tra di loro ad esclusione della Libera Città di Aquisgrana. Una volta che si è ottenuto il riconoscimento da parte di tutti i feudi tedeschi con la diplomazia o la guerra, questi saranno i passi da effettuare:

    - Fare un post nel forum "GdR" in cui ci si dichiara "Re dei Romani". Ossia il titolo che gli Imperatori prendevano dopo essere stati riconosciuti dai principi tedeschi come futuro Imperatore.
    - Contattare il papa attuale per avere la ratifica della propria elezione.
    - In caso di accettazione papale della nomina, il master farà un secondo post nel forum "GdR" in cui il vostro leader verrà incoronato Imperatore del Sacro Romano Impero.
    - In caso di rifiuto, fino a quando non riuscirete ad avere l'approvazione papale potrete godere solo di alcuni bonus in quanto ufficialmente rimarrete unicamente "Re dei Romani" e sarete Imperatori solo per i principi tedeschi.

    Bonus

    Al momento dell'elezione a Re dei Romani il vostro stato acquisirà i seguenti bonus:

    - Ogni feudatario dovrà pagare 3 monete all'Imperatore per ogni regione in suo possesso.
    - Possibilità di richiedere truppe ai vostri feudatari che, almeno teoricamente, sono vincolati da un rapporto di vassallaggio verso di voi.
    - Casus belli contro i feudatari che si rendono inadempienti di fronte ai loro vincoli feudali (tributo e fornitura di esercito).

    Al momento della nomina a Imperatore del Sacro Romano Impero il vostro stato acquisirà i seguenti bonus:

    - Possesso della regione dell'Hainault dove è presente la capitale imperiale di Aquisgrana (la quale, fino all'elezione di un nuovo imperatore, si governerà come libera città stato imperiale)
    - Casus belli contro gli stati italiani formalmente parte dell'Impero (Genova, Siena, Toscana e Milano).
    - Aumento dell'onore

    Patrimonio di San Pietro - Stato Pontificio

    Il Patrimonio di San Pietro sono i possedimenti della Chiesa, ossia è l'entità territoriale governata dall'attuale sommo pontefice del cattolicesimo. La chiesa i suoi domini temporali sono governati dalla Curia Romana, ossia l'organo di governo della Chiesa. A capo della Curia Romana vi è, ovviamente, il Papa. Di seguito un breve elenco delle componenti più importanti della curia:

    - Cardinale Camerlengo, ossia l'amministratore dei beni ecclesiastici. Vero e proprio tesoriere del papa.
    - Cardinale Decano, ossia colui che da primus inter pares presiede i concistori cardinalizi, il conclave e si occupa di gestire il Patrimonio di San Pietro quando la sede papale è vacante.
    - Collegio Cardinalizio, la riunione di tutti i cardinali (è un concistoro se si tratta di sedute ordinarie o di nomina di nuovi cardinali, un conclave se deve eleggere il papa).
    - Legati pontifici, ossia particolari cardinali o alti prelati che vengono inviati come ambasciatori dal papa in un particolare stato.

    Lo stato non è giocabile dai giocatori, tuttavia è possibile influenzarlo tramite i cardinali (controllati o neutrali influenzati da voi). Inoltre il numero totale di popolazione "Clero" che avete nel vostro stato (ovviamente se cattolici) fornirà una percentuale segreta alla riuscita di azioni di influenza di cardinali o altri prelati.

    Cardinali neutrali e dinastici

    Come già detto per discutere con i cardinali e poterli usare a proprio scopo, dovrete contattarli. I cardinali sono entità neutrali. Per farlo inviate un PM sul forum al Master o contattatelo con e-mail, msn o skype. Un cardinale potrà fare tutta la diplomazia che vi verrà in mente. Potreste voler chiedere ad un cardinale proveniente dal vostro stato com'è la situazione a Roma, oppure dargli dei soldi per corromporlo, o ancora usare un cardinale per creare attorno a lui una rete di consenso in vista di una prossima elezione papale. Insomma, tutto quello che vi viene in mente ma a patto che vi ricordiate che i cardinali è e resteranno sempre figure neutrali controllate dal master.

    Attenzione: a questa regola fanno eccezione, pero', i cardinali provenienti dalla dinastia del vostro stato (o nel caso di repubbliche facenti parte di una delle fazioni del vostro stato, o nel caso di stati monastici appartenenti all'ordine che interpretate). Questi, infatti, saranno sotto il vostro controllo e potrete utilizzarli per fare pressioni sul Papa o comunque dire la vostra all'interno del governo della Chiesa. Se avete un cardinale avrete accesso al forum della Curia Romana dove potrete interagire con altri giocatori che hanno cardinali e con il Master e dove il Papa verrà sempre a discutere la situazione.

    Nota bene: se un giocatore arriva ad avere un cardinale controllato da lui eletto come Papa acquisisce il controllo, fino a quando il suo papa rimarrà in vita, completo della scheda dello Stato Pontificio.

    Dicasteri cardinalizi

    Ogni cardinale viene insignito di un dicastero, ossia il governo di una delle chiese della Diocesi di Roma, che lo contraddistingue e rappresenta. Ogni cardinale può essere insignito di differenti dicasteri, che ne indicano anche il grado:

    - Cardinale vescovo, vescovi dalle sei chiese suburbicarie, ossia delle diocesi che si situano intorno a Roma. Sono ovviamente i cardinali più in vista e più autorevoli.
    - Cardinale presbitero, assumono quello che viene chiamato il "titolo" delle più antiche e prestigiose chiese di Roma.
    - Cardinale diacono, insigniti della gestione di una "diaconia" ossia di una delle chiese di Roma. Sono i cardinali meno prestigiosi ma sono spesso impegnati nella burocrazia papale.

    E' possibile anche essere cardinali senza possedere un dicastero ma unicamente perchè vescovi di importanti diocesi o perchè insigniti motu propio dal Papa.

    Jihad e Crociate

    Crociata, ossia una guerra santa proclamata dal Papa per liberare territori occupati da eretici, infedeli o altro, e Jihad, ossia la chiamata allo sforzo per difendere o conquistare territori a fini di espansione della cultura islamica, sono due concetti fondamentali di Leader 1145.

    Nota bene: è ovvio che le definizioni che do qua di Crociate e Jihad sono funzionali al gameplay del gioco e non fanno comprendere minimamente la complessità di argomenti come quelli delle Crociate in Terra Santa o l'ampiezza dello spettro di significati che la parola Jihad può avere nella cultura islamica.

    Crociata

    Un Papa può decidere di proclamare una Crociata sia su scelta autonoma che pressato dagli stati cattolici interessati ai vantaggi di una guerra di conquista. Chiaramente avere un papa della propria cultura e che è stato, sostanzialmente, deciso dai vostri intrighi vi porterà ad avere maggiori possibilità di essere ascoltati. Una volta che è stata deciso l'obbiettivo della Crociata, gli stati cattolici possono rispondere alla chiamata scegliendo fino ad un massimo di 10 reggimenti a cui affibiare il sacro compito. L'esercito che viene così a formarsi, quindi, viene gestito per i turni della crociata da tutti i giocatori dello stato che inviano soldati in cooperativa. Attenzione: i reggimenti che decidete di impiegare nella Crociata vengono automaticamente spostati in una regione indicata dal Papa e che fungerà da punto di ritrovo per l'adunata delle forze crociate. Nota bene: è stato scelto un massimo di 10 reggimenti per invitare i giocatori ad un uso oculato della sua forza militare, non è realistico che uno stato invii per una crociata di conquista tutti i suoi soldati. Per evitare, quindi, cose poco bilanciate è stata scelta questa via. E' ovvio, comunque, che sarà possibile per gli stati inviare altri uomini ma, ovviamente, sarà più logisticamente difficoltoso sia per il rischio di non trovarsi geograficamente vicini all'obbiettivo della Crociata, sia perchè gli spostamenti e le azioni fatte da eventuali eserciti di rinforzo all'esercito crociato principale andranno ovviamente a pesare su ciascuno degli stati possessori delle truppe.

    Il master aprirà un forum temporaneo chiamato "Deus Vult!" o dove i giocatori dovranno discutere sulle mosse da fare. Ogni giocatore, a simulare il peso politico-militare che ha nel processo decisionale, avrà a disposizione 1 "voto" per ogni reggimento che manderà alla Crociata. Ogni possibile decisione, infatti, dovrà essere presa collegialmente e quindi votata da tutti.

    Al termine della Crociata, infine, le truppe sopravvissute sia in caso di vittoria che di sconfitta, ricevono un bonus fisso alla loro abilità in battaglia per la grande esperienza fatta.

    Nota bene: le azioni dell'esercito crociata non andranno a pesare, a livello di PA, su nessun stato partecipante.

    Jihad

    Il concetto di Jihad è molto complesso, anche ai fini di gameplay si differenzia in due possibili Jihad:

    - Il Jihad difensivo, ossia per cacciare infedeli da territori musulmani. Si tratta di un obbligo per ogni fedele musulmano.
    - Il Jihad offensivo, ossia conquistare territori non musulmani per poter sottomettere popoli al dominio musulmano. Non è un obbligo per un fedele musulmano.

    Nel caso il Califfo proclami un Jihad difensivo lo stato islamico che soffrirà l'attacco da parte di nemici infedeli avrà un bonus al morale di partenza dell'esercito posto in difesa dell'obbiettivo dell'aggressione. Eventuali stati islamici che decidono di rispondere alla chiamata, dal momento che si tratta di un obbligo chiaro e preciso, potranno decidere fino ad un massimo di 10 reggimenti che verranno spostati immediatamente nel primo territorio più vicino dello stato attaccato e da lì andranno spostati con proprie azioni o affidati allo stato di cui si è accorsi in aiuto. In caso non si risponda alla chiamata ci sono forti rischi di cali della stabilità.

    Nel caso il Califfo proclami un Jihad offensivo, essendo questo non un obbligo ma solo un invito, gli stati potranno a loro scelta inviare 10 reggimenti seguendo regole del tutto analoghe a quelle della Crociata. Verrà aperta un forum chiamato "Allahu Akbar", le decisioni saranno prese collegialmente votando, le azioni non ricadranno su nessun stato e le truppe veterane acquisiranno un bonus alla loro abilità in battaglia.
     
Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.

Condividi questa Pagina