1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
  2. Ai compagni fedeli alla linea ci servono ancora i vostri soldi... per il rinnovo del server. Grazie dell'obolo

  3. Famo partì sto fantacalcio. E' tempo di rosicare
  4. E' resuscitato il vecchio gdr Cyberpunk, controlla nell'Antro dei Nerd, barbone.
SoHead: la comunità che lo style c'è la solo ki porta rispetto.

La Storia

Discussione in 'GDR' iniziata da Nohant, 20/09/2013.

Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.
  1. Nohant

    Nohant Chosen one

    Registrato:
    09/11/2011
    Messaggi:
    8.675
    Località:
    Milano
    La I° era, Le Migrazioni.

    Inizialmente gli uomini sembra siano stati creati dal dio del sole su Nurimdor, la sacra terra.
    questi poi hanno migrato verso terre più ricche di risorse, animali, vita: Isral e Haua.
    Qui si sono organizzati in piccoli villaggi e gruppi di villaggi, edificando le prime vere e proprie civiltà primitive, hanno iniziato a commerciare, barattare, combattere. è Stata in questa epoca che un gruppo di villaggi ha deciso di affidare il comando ad uno dei suoi generali, dandogli il ruolo di capo.
    Ben presto i villaggi vicini si resero conto del potenziale che aveva lavorare assieme per un bene superiore, e la comparsa di tanti piccolissimi regni fu solo una questione di pochi anni. IL clima differente stava creando enormi differenze tra la popolazione con il passare degli anni, la popolazione di ISral cresceva in altezza e forza, mentre su Haua vista la quasi totale assenza di carne la popolazione sembrava dimagrire e cuocersi dal sole nelle grandi praterie sotto il massiccio centrale.
    L'unico punto non colonizzato era il grande monte Kaurim, una montagna uscita dal mare per un pezzo.
    Alcune sue terre dove era possibile costruire permettevano ai campi di crescere in maniera enormemente rapida, simbolo di una fertilità unica.


    II° Era La prima repubblica.

    Col passare degli anni, queste piccole tirannie erano andate avanti a farsi guerra a vicenda, massacrandosi per pugni di terra e pochi uomini, armate composte da decine di uomini si scontravano ovunque, e quando un villaggio dominava sull'altro nulla era cambiato. Le cose però iniziavano a prendere una piega diversa sull'isola di Nurimdor, dove un uomo era riuscito a riunire un numero di villaggi altissimo, e oramai possedeva quasi la totalità dell'isola.
    Le poche province a nord che si opponevano al tiranno Horus si erano riunite in una piccola lega, e quello che segui il loro scontro fu chiamata successivamente la prima guerra. armate composte da centinaia di uomini si massacravano sulla sacra terra cospargendola di sangue, finché Horus non decise a seguito della sua conquista di sterminare completamente tutta la popolazione della Lega, e di sconsacrare quella terra.
    Fu allora che i capi della sua armata decisero di assassinarlo durante la notte e prendere il potere assieme, andando a formare una primitiva repubblica che prendeva alcune zone di Haua, Nurimdor e Isral. questo periodo fu enormemente fiorente per la cultura, i commerci, e le esplorazioni..ma le cose erano destinate a cambiare.

    III° Era, l'apocalisse.

    Nell' 870 dopo Horus il monte Kaurim esplode.
    La sua esplosione devasta completamente le terre vicine: Haua e le sue grandi praterie scompare completamente sommersa dalla cenere e da una piogga di detriti, che porta alla morte in pochi anni dell'intera popolazione umana della zona. Le grandi praterie diventano un gigantesco deserto di cenere, chiamato ora il deserto di sangue, per via di quanto la storia sia stata crudele con gli uomini che vi vivevano.

    Le poche casupole costruite alle pendici del monte Kaurim sul mare scomparirono letteralmente in pochi secondi, per via del sollevamento di terra causato dall'esplosione.

    Isral fu colpita meno di Haua, e sembra che la ricaduta di cenere a lapilli sia stata portata più lontano dal vendo, verso la penisola ad est. Purtroppo però questo vento portò morte e distruzione alla totalità delle colonie repubblicane.
    Nurimdor fu colpita per anni ed anni da tsunami, pioggia acida, cenere, l'ira degli dei. La regione più occidentale fu colpita così duramente che la sua fisionomia cambiò, da montagnosa che era diventò lentamente un gruppo di boschi, e poi una foresta unica. Le regione più meridionali diventarono una enorme piana d'erba, dove pascolavano i cavalli. L'uomo si rifugiò qui, al sicuro dall'ira divina per diversi anni.
    Il mondo fu oscurato per quasi 30 anni da cenere e lapilli.

    Il Dio della notte un giorno fu stufo di tutto questo, e decise di far cadere la nebbia, e di alzare però le acque, per evitare che ancora una volta l'uomo potesse colonizzare la sua terra. Allora il mare si alzò, le onde diventarono enormi, e le piccole barche che gli uomini erano consoni costruire non servirono più a niente, e più nessuno lasciò Nurimdor per secoli.

    IV° Era, il ritorno alle origini.

    Fu nel 1080, che una nave gigantesca raggiunse Nurimdor da nord (35, 36, 37), proveniente dalle isole vicine portando con se uomini in armatura, stendardi dell'antica repubblica ed un odio nel cuore enorme. Fu una carneficina unica.
    L'isola fu assoggettata completamente al volere di Hissu, il tiranno nell'arco di un solo anno. Ben presto, tramite la costruzione della strada, e del porto la "colonia" Nurimdor ritornò fiorente, la popolazione riprese coraggio e si riorganizzò, sviluppando paesi, accordi, reti commerciali e diplomatiche.
    Ben presto l'invasore e il tiranno diventò il salvatore della terra sacra, perché su Nurimdor l'unica vera fede era quella nel Dio del sole.
    Hissu era invece un fedele al Dio della Notte, e così lo era il suo regno. Questo scaturì ben presto nella Rivolta del 1092, che causò anche la sua dipartita.

    Le varie tribù che componevano le regioni dell'isola si riunissero per combattere il nemico comune del dio nella battaglia di Se-Hala (33), vicino all'omonima città, Unica in tutta l'isola, Unica anche per il suo porto commerciale, che controllava i flussi di risorse di tutto il mondo.
    Gli uomini di Hissu persero la battaglia, si videro le navi bruciate, e vennero giustiziati tutti, nella piana del sud (25) dal capo degli uomini dei cavalli, una delle tribù più potenti, perché l'unica a poter usare la cavalleria in battaglia.



    Si andava a creare una situazione di stallo sull'isola, con il potere oramai scivolato dalle mani di Hisso, La Tirannia dovette concedere l'indipendenza alle varie tribù che la richiesero nei successivi trattati di pace.​
     
Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.

Condividi questa Pagina