1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
  2. Ai compagni fedeli alla linea ci servono ancora i vostri soldi... per il rinnovo del server. Grazie dell'obolo

  3. Famo partì sto fantacalcio. E' tempo di rosicare
SoHead: un'assenza apparecchiata per cena.

Esteri la libia fa schifo.

Discussione in 'Politica, attualità e società' iniziata da Rolek, 12/09/2012.

Moderatori: Mikhail Mengsk
  1. Rolek

    Rolek Spam Master

    Registrato:
    08/09/2012
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Reggio Emilia
  2. Thewo

    Thewo Chosen one

    Registrato:
    24/09/2008
    Messaggi:
    5.340
    va tutto bene
     
  3. Rolek

    Rolek Spam Master

    Registrato:
    08/09/2012
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Reggio Emilia
  4. Mersault l'Apostata

    Mersault l'Apostata Chosen one Fantasy League Fantacalciaro

    Registrato:
    23/09/2008
    Messaggi:
    7.205
    Località:
    Umwelt
    :V

    a parte gli scherzi, i salafiti stanno facendo abbastanza danni in libia, cosi' come pure in tunisia e in egitto. fonti fidate mi parlano di reclutamenti di giovani fondamentalisti in erba anche nel nord del marocco.
    una bella polveriera?
     
  5. Rolek

    Rolek Spam Master

    Registrato:
    08/09/2012
    Messaggi:
    2.440
    Località:
    Reggio Emilia
    Il senso della domanda era quali sono gli equilibri interni in Libia oggi
    Quanto valgono sti salafiti, se l'assalto al consolato è un caso isolato o se bisogna aspettarsi altro
     
  6. Space Monkey

    Space Monkey IL PARTITO TI OSSERVA

    Registrato:
    20/09/2008
    Messaggi:
    29.675
    Località:
    Lubjanka
    Credo per ora sia abbastanza fisiologico visto il gran numero di armi che girano.

    E' paragonabile alle sporadiche violenze che furono commesse in seguito alla fine della Guerra di Liberazione in Italia, con alcuni elementi più ideologizzati che ritenevano che non si era fatto abbastanza.

    In Italia ed in Europa abbiamo potuto evitare il riemergere delle violenze solo con una diffusa crescita economica. Bisogna quindi aiutare le economie del Nord Africa a riprendersi, in particolare Tunisia e Marocco che non hanno grandi proventi petroliferi.
     
  7. Thewo

    Thewo Chosen one

    Registrato:
    24/09/2008
    Messaggi:
    5.340
    e avevano ragione :badlook:
     
  8. Mersault l'Apostata

    Mersault l'Apostata Chosen one Fantasy League Fantacalciaro

    Registrato:
    23/09/2008
    Messaggi:
    7.205
    Località:
    Umwelt
    http://www.youtube.com/watch?v=nr0gaz7QpOA
     
  9. Space Monkey

    Space Monkey IL PARTITO TI OSSERVA

    Registrato:
    20/09/2008
    Messaggi:
    29.675
    Località:
    Lubjanka
    Il pentagono ha autorizzato l'invio di 200 marines e di UAV in Libia.
     
  10. Solctis

    Solctis Chosen one

    Registrato:
    05/03/2010
    Messaggi:
    5.388
    Località:
    Ma come cazzo si fa a vivere nella neve?
    Ci sarà da spartirsi qualche contratto e non vogliono dare assist ad Hollande.
     
  11. Space Monkey

    Space Monkey IL PARTITO TI OSSERVA

    Registrato:
    20/09/2008
    Messaggi:
    29.675
    Località:
    Lubjanka
    no, ma che contratto. Vanno nelle loro ambasciate e se li pagano loro.
     
  12. Solctis

    Solctis Chosen one

    Registrato:
    05/03/2010
    Messaggi:
    5.388
    Località:
    Ma come cazzo si fa a vivere nella neve?
  13. Mersault l'Apostata

    Mersault l'Apostata Chosen one Fantasy League Fantacalciaro

    Registrato:
    23/09/2008
    Messaggi:
    7.205
    Località:
    Umwelt
    nel giro di 36 ore i media hanno compiuto l'escalation interpretativa: se ieri ansa diceva "Bengasi, l'ombra di Al-Qaeda" oggi il titolo è "Obama, lotta ad Al-Qaeda" commentando l'invio di 2 navi verso le coste libiche.
    è sempre incredibile vedere l'ideologia al lavoro, perché in questo caso l'appoggio per affermare che vi sia dietro la "rete globale del terrorismo islamico" viene da analisi come questa:

    Annunciato intanto il ritiro dalla Libia di tutto il personale americano, mentre per le indagini scendono in campo Cia e Fbi, in stretto coordinamento con le autorita' libiche. Tutto e' iniziato con la protesta per un film anti-Maometto che gia' ieri aveva scatenato le proteste al Cairo, con dimostrazioni violente sfociate nell'assalto all'ambasciata nella capitale egiziana, condito con scritte come ''Osama bin Laden riposi in pace''. Ma la concomitanza con l'anniversario dell'11 settembre non puo' rimanere una semplice coincidenza, ne' tantomeno l'annuncio 'ufficiale' della morte di Abu al-Libi, il numero due di al Qaida ucciso in giugno che proprio ieri Ayman al Zawahiri, il successore di bin Laden, ha deciso di confermare.
    (ansa.it)

    Siamo alle solite e ormai credo che tutti conosciamo e accettiamo la "coerenza interna" di questo modo di classificare gli eventi; vediamo cosa verrà fuori stavolta, ma ho paura che adesso passeremo dalla primavera araba alla polveriera araba (dal punto di vista occidentale).
     
  14. Zaratustra

    Zaratustra Amministratore Membro dello Staff Fantasy League Fantacalciaro

    Registrato:
    24/09/2008
    Messaggi:
    17.218
    [img height=500]http://www.giornalettismo.com/wp-content/uploads/2012/09/2012-09-13-il-giornale.jpeg[/img]


    daglie oh ma si puo ? :looksi:
     
  15. Guy_Montag

    Guy_Montag Chosen one

    Registrato:
    13/02/2012
    Messaggi:
    7.986
    non ci si poteva aspettare altro dal giornale
     
  16. Mourinho

    Mourinho Get a life Fantacalciaro

    Registrato:
    05/03/2010
    Messaggi:
    17.589
    Località:
    Manchester
    Si ma tra tutti gli articoli il totolone sembra quella più sensato, avete letto gli altri?
     
  17. Guy_Montag

    Guy_Montag Chosen one

    Registrato:
    13/02/2012
    Messaggi:
    7.986
    non ho ancora capito perché la banca lo metta in rassegna stampa, cmq gli altri sono più sensati, tranne 'quando i cinefili erano eroi' che mi ha fatto lollare
     
  18. Thewo

    Thewo Chosen one

    Registrato:
    24/09/2008
    Messaggi:
    5.340
    segnalo anche anche un discreto "Ci siamo portati al qaeda in casa" su Libero
     
  19. Arch@ngel

    Arch@ngel Ninja Skilled!

    Registrato:
    05/03/2010
    Messaggi:
    3.599
    Località:
    Uh?
  20. Space Monkey

    Space Monkey IL PARTITO TI OSSERVA

    Registrato:
    20/09/2008
    Messaggi:
    29.675
    Località:
    Lubjanka
    Nel venerdì di preghiera il popolo di Bengasi torna in piazza. Non per manifestare contro l'America, ma al contrario per ringraziare l'amministrazione di Barack Obama che ha aiutato la Libia a liberarsi di Moammar Gheddafi. Per ricordare ancora una volta con dolore l'ambasciatore Chris Stevens, ucciso dagli integralisti 1 proprio a Bengasi. E a sorpresa per assaltare le sedi delle milizie islamiche. Prima quella del gruppo di Ansar Al Sharia (responsabile dell'attacco al consolato Usa), poi quella della brigata Raf Allah al-Sahati, dove ci sono stati combattimenti in cui almeno quattro persone hanno perso la vita e altre 40 sono rimaste ferite.

    Dalle 4 del pomeriggio migliaia di giovani, uomini, donne e bambini sono scesi in piazza in una "giornata per la salvezza di Bengasi". La salvezza dalla deriva che sembra stia portando la Libia sotto il controllo degli integralisti e dei combattenti jihadisti.

    La manifestazione è andata avanti per ore, allegra e felice dopo giorni cupi di depressione e di vergogna per l'omicidio di Chris Stevens. Poi all'improvviso centinaia di giovani si sono spostati verso il quartier generale della milizia islamica salafita. Avevamo visitato quella base, e i miliziani di guardia facevano davvero impressione, armati di tutto punto ma soprattutto circondati da un alone di militanza quasi isterica e apparentemente invincibile. Non hanno messo paura ai giovani di Bengasi: hanno provato a sparare in aria ma la folla non si è allontanata. Loro sono fuggiti e i dimostranti sono entrati nella caserma.

    Al grido di "il sangue dei martiri non può essere versato invano", i manifestanti hanno saccheggiato e bruciato tutto, seguendo quasi un rituale di purificazione che i prima i gheddafiani e poi i liberatori hanno applicato nelle sedi conquistate al nemico. Prima di espugnare la base di Ansar Al Sharia, i dimostranti avevano fatto irruzione in un altro covo di islamici, che si erano installati pure nell'edificio della Sicurezza libica nel centro di Bengasi.

    La manifestazione a favore degli Usa, cui hanno preso parte 30 mila persone, aveva come obiettivo la richiesta di sciogliere le milizie che hanno preso il potere nelle strade della Libia. Il "Giorno per la salvezza di Bengasi" era stato organizzato con l'appoggio delle autorità per denunciare l'estremismo e la violenza e per incoraggiare il governo a sciogliere i gruppi armati che si sono rifiutati di consegnare le armi dopo la sollevazione che ha rovesciato Gheddafi lo scorso anno.

    "Siamo entrati nella sede per riconsegnare questo luogo alle forze di sicurezza nazionale", ha detto l'attivista Musaf al-Sheikhy dopo l'irruzione nel quartier generale della milizia islamica. Lo stesso gruppo, nelle ore precedenti, aveva organizzato una protesta contro il film anti-Islam cercando di cavalcare la collera del mondo musulmano; protesta che però è stata oscurata dal raduno a sostegno del governo libico sfociato in serata in resa dei conti.

    Più tardi, a 15 chilometri dal centro di Bengasi, centinaia di manifestanti, fra i quali diversi uomini armati, hanno attaccato il quartier generale di Raf Allah al-Sahati, brigata islamista di ex ribelli anti-Gheddafi ma sotto il controllo del ministero della Difesa. I combattimenti, con armi leggere e razzi, sono andati avanti per due ore, finché la brigata ha deciso di lasciare la propria base. Gli assalitori sono quindi entrati nella caserma e l'hanno saccheggiata, portando via armi, munizioni e materiale informatico.

    L'attacco alle sedi degli islamici sembra parte di un'azione coordinata da polizia, truppe governative e attivisti contro le milizie. "Stiamo prendendo il controllo della sede della battaglia, lo facciamo su richiesta del popolo che vuole che le milizie lascino questo posto", ha detto il colonnello dell'esercito Naji al-Shuaibi, al comando delle operazioni.
     
Moderatori: Mikhail Mengsk

Condividi questa Pagina