1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
  2. Ai compagni fedeli alla linea ci servono ancora i vostri soldi... per il rinnovo del server. Grazie dell'obolo

  3. Famo partì sto fantacalcio. E' tempo di rosicare
  4. E' resuscitato il vecchio gdr Cyberpunk, controlla nell'Antro dei Nerd, barbone.
SoHead: siamo brutte persone, ma faremmo qualunque cosa per esserlo ancora di più.

Background

Discussione in 'Regolamento' iniziata da TFT, 20/06/2012.

  1. TFT

    TFT Ninja Skilled!

    Registrato:
    01/09/2011
    Messaggi:
    4.234
    In breve.

    L'anno è il 1453, tradizionalmente considerato il punto di passaggio dal medioevo all'età moderna ed in effetti questa è un'epoca di immensi cambiamenti.
    Il feudalesimo e la decentralizzazione lasciano spazio ai primi embrioni di stati nazionali, con un sovrano forte e molto meno dipendente dai nobili, dal Papa e dall'Impero.
    La religione non ha più il peso dei secoli precedenti, le crociate ancora esistono e il popolo è zelantemente credente ma quell'atmosfera fanatica è sparita nelle corti.

    Il clima generale sta cambiando e con i blocchi degli ottomani e dell'Orda ad oriente gli stati europei sono sempre più propensi a trovare nuove vie per i loro traffici commerciali.
    è questo il periodo in cui nasce il così chiamato "genio europeo", quella molla data da un'embrionale "imprenditorialità" che porterà gli stati europei a dominare il mondo in poche centinaia di anni.

    E gli eserciti? Anche qui il vecchio ed il nuovo si scontrano. Le armi da fuoco non sono molto diffuse, sono costose da costruire e soprattutto sono ritenute poco affidabili. Benchè si combatta ancora come nei secoli precedenti sta cambiando la mentalità della guerra: le cariche di cavalleria pesante, gli eserciti feudali, i professionisti della guerra stanno sparendo. Sempre con maggior velocità nascono eserciti nazionali basati su leve, al diretto comando del sovrano, oppure compagnie di ventura e di mercenari, assetati di gloria e di conquista.
     

Condividi questa Pagina