1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
  2. Ai compagni fedeli alla linea ci servono ancora i vostri soldi... per il rinnovo del server. Grazie dell'obolo

  3. Famo partì sto fantacalcio. E' tempo di rosicare
  4. E' resuscitato il vecchio gdr Cyberpunk, controlla nell'Antro dei Nerd, barbone.
SoHead: nulla ci convincerà del fatto che sei felice. Sei su questo forum, NON PUOI essere felice.

GDR [Arcadia] Esplorazioni e pregrinazioni

Discussione in 'GDR' iniziata da Adamantio, 11/04/2019.

  1. Adamantio

    Adamantio Lonely Fapper

    Registrato:
    27/03/2019
    Messaggi:
    78
    Vi é fermento in questi giorni ad Arcadia.. Non tanto la mancanza dell'eroe dalla sua terra natia, impegnato in una missione diplomatica in terra straniera, quanto per le notizie dei viaggi che arriveranno. La diplomazia ad Arcadia é in pieno fermento. Si vocifera che ben due oratori siano in partenza per portare la luce di Arcadia in zolle di terra non ancora.. Illuminate dalla protezione della loro Divinità patrona. Di fatto i preparativi al porto sono in fase avanzata e due superbe navi veloci sono pronte alla partenza. Un alba entrambe le navi partirono e si diressero entrambe verso nord. Solo una volta in mare aperto si divisero per dare modo agli oratori di approdare ognuna su di un isola diversa.

    tentativi di assimilazione isola 29 e 31
     
  2. Adamantio

    Adamantio Lonely Fapper

    Registrato:
    27/03/2019
    Messaggi:
    78
    La nave approdo di buon mattino. L'oratrice Aspasia, questo era il suo nome aveva scelto l'approdo più lontano dalla patria e sperava in cuor suo,sebbene non lo declamasse apertamente, che sarebbe stata l'assimilazione più difficile fra le due...

    [​IMG]

    .. Del resto lei poteva usare doti ulteriori oltre l'oratoria, cosa che Menippo, l'altro oratore arcade non era avvezzo a fare. Un peccato, si ritrovo sorpresa dal pensiero l'oratrice. Menippo era un bell'uomo. Sbarco e gli venne concesso un cavallo. Gli si affianco la scorta ma lei nego con garbo ma sicurezza la loro compagnia. Scelse solo la sua ancella, una ragazza bellissima ed entrambe a cavallo abbandono senza voltarsi gli uomini che si accamparono per i giorni a venire.

    inizio tentativo di assimilazione isola 29 collinare
     
    Ultima modifica: 11/04/2019
    A giobia86 piace questo elemento.
  3. Adamantio

    Adamantio Lonely Fapper

    Registrato:
    27/03/2019
    Messaggi:
    78
    Menippo approdo oramai quando era l'imvrunire. Diede ordine ai marinai di stazionare in un insenatura della costa lasciando garrire le bandiere del regno di Arcadia. Non era un tipo che si fidava molto. Il suo lavoro tuttavia era in gamba nel farlo. Di buon ora sbarco e scortato da un paio di uomini avanzo verso nord, risalendo quei delicati pendii che caratterizzava o l'entroterra dell'isola. Non aveva fretta. Recava messaggi e doni per coloro che desideravano ascoltare le sue parole. Il sole sul volto gli fece esternare un sorriso e ringrazio mentalmente la sua Divinità. Non portava molte armi, solo la sua parola ed alcuni doni della sua terra natia.
    inizio quest tentativo di assimilazione isola 31
     
  4. giobia86

    giobia86 Novice Spammer

    Registrato:
    23/12/2018
    Messaggi:
    736
    (31)
    Dopo essersi inoltrato in un bosco di pini, Menippo venne attirato dal suono di un flauto in lontananza, stava per avviarsi in quella direzione quando...nella direzione opposta vide salire del fumo, come se vi fosse laggiù un fuoco da campo o una casa

    A te:
    1: segui il suono del flauto
    2: ti dirigi verso il fumo
     
  5. giobia86

    giobia86 Novice Spammer

    Registrato:
    23/12/2018
    Messaggi:
    736
    (29)
    Avanzando con la sua ancella Aspasia si ritrovò a cavalcare lungo una strada ben fatta in un bosco in cui gli alberi erano evidentemente stati piantati in quanto erano disposti in file regolari.
    Dopo un paio di miglia si ritrovò su un promontorio con la strada che scendeva verso un'insenatura naturale del mare, una baia nascosta al cui fondo era stato costruito un villaggio, dalla sua posizione Aspasia potè vedere che vi erano 3 Pentacontere, due in mare ed una in riparazione sulla spiaggia, costruite secondo l'uso illirico.
    Dopo circa un minuto venne approcciata da 2 cavalleggeri, che squadrarono lei e l'ancella
    "Hey bellezze, che cosa ci fate tutte sole sulla nostra isola?"

    A te
     
  6. Adamantio

    Adamantio Lonely Fapper

    Registrato:
    27/03/2019
    Messaggi:
    78

    Ascolto a lungo il suono del flauto ed una parte di sé per un attimo desideró avviarsi in quella direzione, del resto gli sembro strano quel suono.. Sopratutto in una foresta. Sembrava fatto apposta per se. Menippo era riconosciuto per il suo cinismo e decise di inoltrarsi dalla parte opposta, fu a quel punto che vide il fumo salire.
    Li sulle prime pensó ad una battaglia o qualcuno in difficoltà, poi quel fumo gli apparve salire in maniera fin troppo lineare, sospiro e con attenzione si avvicino, attento a non farsi scorgere per vedere e studiare la situazione senza essere visto.. Almeno questa era l'idea.

    scelgo la 2.. Muoro??
     
  7. Adamantio

    Adamantio Lonely Fapper

    Registrato:
    27/03/2019
    Messaggi:
    78
    Aspasia studio per un attimo quello che i suoi occhi gli davano modo di vedere. Si fece l'idea sulle prime di una popolazione attenta, aveva di fatto costruito il villaggio al riparo da occhi indiscreti e sembravano avere una signora flotta. Del resto il boschetto di alberi di poco prima aveva attirato la sua attenzione.. Vi era molto legname e di certo le popolazioni del luogo sapevano come essere buoni guardiaboschi e taglialegna.. Chissà tuttavia quanto letali. Non si accorse dei due cavalleggeri giungere alle sue spalle e non facendo in tempi a nascondersi li affronto a viso aperto con il linciaggio che la contraddistingue a, era bella ma soprattutto sapeva parlare.. E minacciare.

    "vostra isola?" si concesse un sorriso. "cavaliere, vorreste dire l'isola del vostro signore.." piccola pausa. "per voi, cavalieri siamo Aspasia, oratrice del regno di Arcadia e Cloé, e vorremmo parlamentare con il vostro sovrano.." lo fisso, "in quanto alla nostra solitudine, vi consiglio prudenza, non siamo giunte sole e di certo una nostra eventuale assenza troppo prolungata potrebbe far sospettare... I nostri uomini." fisso l'attenzione della voce su "nostri" del resto erano in attesa.. Ed erano di scorta. "siamo qui solo per parlamentare, non con voi.. Ma con il sovrano dell'isola" aveva scelto un approccio sicuro ma non spavaldo. Un misto fra rispetto e distanza. Li conosceva gli uomini, sopratutto i soldati ed era meglio starne alla larga, sopratutto se illiri.
     
  8. giobia86

    giobia86 Novice Spammer

    Registrato:
    23/12/2018
    Messaggi:
    736
    (31)
    No hai scelto l'opzione sicura ma noiosa:gha:

    Dopo essersi voltato per dirigersi verso il fumo il suono di flauto cessò improvvisamente.
    Dopo un paio di centinaia di metri menippo uscì dal bosco trovandosi al limitare di un villaggio piccolo ma elegante.
    La popolazione locale come l'arcitettura avevano aspetto Atlantideo e questo lo rassicuró molto.
    Quando venne avvistato fu fu immediatamente raggiunto da alcune guardie.
    "Benvenuti straniero, come vi chiamate è cosa vi porta qui?"
     
    Ultima modifica: 13/04/2019
  9. Adamantio

    Adamantio Lonely Fapper

    Registrato:
    27/03/2019
    Messaggi:
    78
    Si inchina con deferenza e mostra le mani in un gesto accondiscendente.. "il mio nome é Menippo e provengo dal regno atlantideo di Arcadia." piccola pausa "é concessa la parola all'oratore di Arcadia?"

    (31)

    non ho molto culo nel scegliere le opzioni.. Mh?.. Meglio morire di noia che morire e basta u. U
     
  10. giobia86

    giobia86 Novice Spammer

    Registrato:
    23/12/2018
    Messaggi:
    736
    (29)
    (uffa...se non gli facevi capire che eri un'ambasciatore era rapimento male pure questo)
    Quando i due capirono di trovarsi davanti ad un ambasciatore si irrigidirono di colpo
    "perdonateci signora non immaginavamo, vi prego seguiteci...solo su una cosa vi sbagliate, non abbiamo padroni, la nostra piccola democrazia ci permette di vivere liberi"
    Aspasia venne accompagnata al villaggio dove lei e l'ancella vennero rifocillate
    Intanto il loro arrivo destò una notevole curiosità e diverse persone si presentarono davanti alla casa in cui erano state accolte chiedendosi cosa le due donne fossero venute a fare presso di loro

    A te
     
    A Adamantio piace questo elemento.
  11. Adamantio

    Adamantio Lonely Fapper

    Registrato:
    27/03/2019
    Messaggi:
    78
    (29)

    Fece un gesto eloquente, come di non preoccuparsi.. "fate strada, bravi soldati.." colse quell'informazione con sorpresa, una democrazia era cosa rara.. E forse gradita. Si ritrovo ad essere rifocillata e lei, per la prima volta da quando era lì si schiuse in un sorriso. Quasi a suo agio.. Ringrazió e lancio un occhiata alla sua ancella. "siamo qui per parlamentare con voi, saggi dell'isola" scruto i presenti e si eresse in tutta la sua altezza.. "offriamo amicizia e lealtà se avremo in cambio uguaglianza di trattamento."

    ho letto"hey bellezze.. " poco prima il termine illiri e ancor prima che eravamo due donne.. mi sono gelato. Ho pensato che partisse lo stupro etnico e ho tirato fuori il testicolo.. Ho fatto bene no??:guns::zrock:
     
  12. giobia86

    giobia86 Novice Spammer

    Registrato:
    23/12/2018
    Messaggi:
    736
    (31)
    Menippo venne acccompagnato presso i notabili del luogo
    Si ritrovò in un palazzotto decisamente lussuoso, li gli venne offerto un luogo dove riposarsi, la stanza che gli venne data era splendida, con pareti in marmo di vari colori e decorazioni dorate, al centro una vasca venne riempita con latte e latte di mandorla caldo e gli vennero portati vari vassoi con del cibo preparato con cura, due schiave e due schiavi infine entrarono per assisterlo.
    Le guardie gli dissero che non appena si fosse sentito pronto sarebbe stato ricevuto.

    1: accetti l'ospitalità e te la godi prima di essere ricevuto
    2: chiedi di essere ricevuto subito
     
  13. giobia86

    giobia86 Novice Spammer

    Registrato:
    23/12/2018
    Messaggi:
    736
    (29)
    Aspasia venne accompagnata fuori davanti ad una piccola folla
    Gli sguardi della gente del villaggio erano tutti su di lei.
    Un uomo, uno di quelli che erano entrati nella casa si fece avanti.
    "Signori...Signori...calmatevi...ora ascoltiamo cosa ha da dirci Aspasia di Arcadia"
    detto questo si rivolse a lei
    "Dama Aspasia prego parlate...non mi è chiara la vostra offerta e qui abbiamo bisogno di capire"

    A te
     
  14. Adamantio

    Adamantio Lonely Fapper

    Registrato:
    27/03/2019
    Messaggi:
    78
    (31)
    Menippo era un uomo a cui non dispiaceva l'ospitalità offertagli. La trovava gradevole e sorprendentemente a "buon mercato" forse perché riconoscevano in lui un uomo con i medesimi usi e costumi del luogo?.. Era diffidente. Nego con un semplice gesto di cortesia nei riguardi degli abitanti del luogo. Insomma non approfitto dell'ospitalità, scusandosi.. "grazie per la vostra meravigliosa ospitalità miei signori, tuttavia ho compiti che desidero svolgere immediatamente, senza far attendere gli illustri padroni di casa.. Non ne sarei degno.. " era cinico e la cinicità portava alla.. Diffidenza, seppure mascherata.

    scelgo 2
     
  15. Adamantio

    Adamantio Lonely Fapper

    Registrato:
    27/03/2019
    Messaggi:
    78
    (29)
    " genti dell'isola, parlo a nome del regno di Arcadia.. Sono qui per parlare con lingua sincera e cuore puro." piccola pausa, non amava girare attorno ai discorsi, affronti gli sguardi con occhi determinati.
    ".. il regno di Arcadia ha posto il suo genuino sguardo su di voi." senti serpeggiare un guizzo di malumore fra le genti e non si perse d'animo, continuó, non era stata creata oratore solo per la sua superba bellezza.. " non sulla vostra terra, lo sguardo di Arcadia é posto sulle sue genti, saremo onorati di giungere ad un reciproco accordo che soddisfi tutti noi.. Il regno di Arcadia é conosciuto nel mondo greco per aver negato il concetto malevolo di schiavitù, é una terra conosciuta per dar voce alle donne.. " guardo i cittadini.." io ne sono la prova. Parlo in nome di ogni uomo e donna, cittadini con egual diritti e doveri in Arcadia" e respiró, prendendo fiato.. In modo che quella serie di informazioni si scolpiscano nella mente e nel cuore della popolazione "saremo onorati di aprire le nostre braccia ad una democrazia come la vostra.".. Continuo "far sì che le sue genti siano chiamati.. Cittadini. Avrete dubbi e richieste, sono qui per ascoltare e se in mio potere eseguire la vostra volontà se me ne sarà dato modo."
     
    Ultima modifica: 14/04/2019
  16. giobia86

    giobia86 Novice Spammer

    Registrato:
    23/12/2018
    Messaggi:
    736
    (31)
    Storcendo un po il naso le guardie accompagnano Menippo dal consiglio
    Menippo si ritrovò in una stanza con molto ben arredata nella quale diverse figure mascherate si voltarono ad osservarlo, le maschere erano finemente cesellate e raffiguravano animali o divinità o concetti, alcuni oltre la maschera non portavano nulla ed erano sia uomini che donne.
    Il problema era che ogni volta che Menippo si avvicinava a qualcuno questi si allontanava...parendo forse...disgustato? era difficile capirlo non potendo vedere i volti ma così pareva dai movimenti del corpo.
    Infine un uomo nudo, indossante una maschera con volto di leone, dopo aver osservato la scena da un balconcino si rivolse ad alta voce alla gente sottostante
    "Fratelli...sorelle...non a lungo potremo ignorare chi ora vaga sperduto in mezzo a noi, forse manca di gusto... o decenza...o cortesia...nondimeno non è un barbaro se non altro e forse avrà qualcosa di interessante da dire...e tu scimmia incivile..."
    disse indicando Menippo
    "parla...cosa vuoi da noi? perchè ci disturbi con la tua presenza"

    non era una trappola, volevano solo lavarti prima dell'eyes wide shut party, non sono cattivi, sono dei normalissimi arrogantissimi atlantidei decadenti :) il pericolo e il divertimento erano dove c'era la musica
     
  17. giobia86

    giobia86 Novice Spammer

    Registrato:
    23/12/2018
    Messaggi:
    736
    (29)
    Una persona nella folla urla "e i nostri schiavi? dovremo liberarli? io il mio schiavo lo voglio tenere l'ho comprato e me lo tengo"
    a quel punto in parecchi si mettono ad urlare
    Un'altro urla "ma che cittadini saremmo, che potere avremmo noi? non saremmo sottoposti al giogo di un tiranno assoluto?"
    Un'altro grida "dobbiamo prepararci a difenderci...ci uccideranno tutti e rapiranno le nostre donne"
    Un'altro grida "ma tu non ce l'hai una donna...uniamoci a loro, il tiranno è un buon governante...globalizziamoci"
    Un'altro grida "io sono daccordo ad unirci ma con due stati separati che prendono le decisioni indipendentemente, un'Arcadia delle nazioni"
    Un'altro grida "gli Arcadiani sono debosciati, gli dei non lo vogliono"
    Un'altro grida "obbligheranno i nostri figli ad andare dai loro medici invece che dai nostri sciamani, una volta il figlio di un'amica di mia cugina è stato dal medico ed è tornato sostituito da una fata, sono servi pagati da Magna Esculapio"
    Un'altro grida "investiranno nelle infrastrutture, costruiranno porti e città"
    Un'altro grida "non vogliamo i porti...no porti..i porti non ci servono le navi possono attraccare alla spiaggia, miglioriamo la spiaggia"
    Un'altro grida "Gli arcadiani ci ruberanno il lavoro"
    Un'altro grida "I nostri giovani più intelligenti se ne andranno a vivere ad Arcadia"
    Un'altro grida "Siete solo e resterete sempre dei poveri populares"
    Un'altro grida "non vogliamo la moneta unica arcadiana"
    Un'altro grida "vogliamo il reddito di cittadinanza"
    Un'altro grida...Un'altro grida...Un'altro grida...

    A te, intervieni in sto baillamme

    Hai dato la parola alla folla...pessima mossa...beccati sta dose di democrazia
     
    A Adamantio e Monitor_Dundee piace questo messaggio.
  18. Adamantio

    Adamantio Lonely Fapper

    Registrato:
    27/03/2019
    Messaggi:
    78
    (31)

    Scivolo nella stanza e comprese. Forse non fino in fondo, la decadenza di quel popolo.. che era anche il suo. Dopo i primi dinieghi di "contatto" si fermò al centro della sala, proprio mentre l'uomo dalla maschera di leone lo appellava. Prese un profondo respiro e si strinse nella tunica che lo cingeva, quasi a marcare la sua differenza. Affrontò gli sguardi delle maschere a viso aperto. L'espressione del suo volto sembrava essere una maschera a sua volta; Non lasciava trasparire emozioni particolari, parlò e la sua voce usci schietta.. "..Leone, fa attenzione a non mancare di rispetto ai tuoi simili in maschera: hai appena chiesto loro di ascoltare una scimmia incivile.." non si scompose, ma sostenne lo sguardo, non decisamente un buon modo di intavolare una trattativa ma.. ".. Sono Menippo, oratore del regno atlantideo di Arcadia e mi è stato comunicato che non appena mi sarei sentito pronto sarei stato ricevuto dai notabili.. Non era mio desiderio, disturbare." chinò il capo in un gesto di sincere scuse.. "Posso forse fare ammenda? Concedetemi, prima di parlamentare, perché son qui per questo, di mischiarvi a voi.. insegnatemi i vostri.. particolari usi." e se acconsentono, Menippo parteciperà alla festa.
     
  19. Adamantio

    Adamantio Lonely Fapper

    Registrato:
    27/03/2019
    Messaggi:
    78
    (29)
    Aspasia tentò di ribattere colpo su colpo, rispose con veemenza e sincerità alla prima alla seconda, alla terza ed alla quarta domanda, poi il vociare della folla si fece una babele e lei li sulle prime si chiuse nel mutismo, surclassata dalle voci sempre più cacofoniche della folla. Cerco aiuto negli occhi dell'anziano e forse in quelli della sua ancella.
    Alzo una mano come a chiedere di parlare.
    Attese..
    E attese..
    e attese.

    "IO VI RINGRAZIO..." quell'esternazione, detta a voce alta, quasi urlata fece cessare di colpo quella ventina di irriducibili che ancora parlavano e davano aria alla bocca dopo tanta attesa e pazienza.

    "Vi dico grazie perché mi avete insegnato che la democrazia è un dono meraviglioso e pericoloso. Vi ringrazio." affrontò gli sguardi sicuro che quel termine "pericoloso" che cozzava con i grazie di poco prima avesse catturato l'attenzione di tutti. Si rivolse al più anziano, quello dotato di più carisma, colui che poco prima l'aveva introdotta alla folla e..

    "Qual'è il tuo nome.. uomo?.. Io mi sono presentata e vi ho ascoltato, Avete urlato.. non mi avete fatto parlare e cosa avete concluso?.." non era un rimprovero, sembrava quasi mortificata dalla situazione.. " Non vi ho compreso forse per mio limite .. ma, ciò che avete appena fatto non è democrazia, quanto.. anarchia ed il mio cuore ne è turbato" lo guardo indugia su di lui, poi sulla folla.. "perdonatemi, sono sicuro che la vostra democrazia sia guidata da persone illuminate, vi prego, posso parlamentare con loro per uno scambio di idee?"
     
  20. giobia86

    giobia86 Novice Spammer

    Registrato:
    23/12/2018
    Messaggi:
    736
    (29)
    Altro coro di urla sconclusionate...Aspasia capi che no, purtroppo non c'era nessuna guida, o se c'era non voleva farsi avanti, avrebbe dovuto parlare alla folla capendo dalle varie frasi sconclusionate cosa promettere e cosa no

    A te: Aspasia in pura campagna elettorale
     

Condividi questa Pagina