1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
  2. Ai compagni fedeli alla linea ci servono ancora i vostri soldi... per il rinnovo del server. Grazie dell'obolo

  3. Famo partì sto fantacalcio. E' tempo di rosicare
  4. E' resuscitato il vecchio gdr Cyberpunk, controlla nell'Antro dei Nerd, barbone.
SoHead: è la multa che non avevi mai pagato.

GDR [OB] Un uomo chiamato Kretinos

Discussione in 'GDR' iniziata da Enichaos, 07/10/2019.

  1. Enichaos

    Enichaos Just a newbie

    Registrato:
    19/01/2019
    Messaggi:
    277
    Località:
    in mezzo alle nebbie
    Priscillo aprì gli occhi alle luci del mattino: era una giornata calda e secca, il sole splendeva deciso... ah no, le finestre erano chiuse: qualcuno gli aveva di nuovo dato fuoco al letto con lui dentro.
    "'giorno zi'"
    "Ma non muori mai tu?"
    "No zia, sono vent'anni che provate a darmi fuoco come ai neonati, ed è altrettanto tempo che... hai le sise di fuori"
    "Non porto il seno libero da vent'anni, nipote."
    "No, hai le minne fuori ora, ti si sarà bruciato il lembo di giunzione quando"
    La sua frase fu interrotta da un pugnale che gli volò dritto in gola.
    ---Sulle rive dell'Acheronte---
    "Guai a voi, anime... Priscillo? Di nuovo? Come sei finito qui stavolta?"
    "Ho una zia distratta, pudica e decisamente impulsiva."
    "Lo sai che non posso continuare ad evitare di traghettarti, prima o poi il capo si farà qualche domanda"
    "Beh, potevi pensarci prima di mandarmi come neonato da mia zia... papà. Anzi, per piacere, rispiegami esattamente come sono andate le cose"
    "Beh, tua madre era un'amazzone, ma voleva fare la ballerina. Tutti hanno diritto ad un sogno, ma se nasci amazzone, muori sul campo di battaglia; e se vuoi fare la ballerina, questo avviene prima del previsto. Mi si è offerta per non farsi traghettare nell'Ade, ed io ho accettato... solo che non l'ho riportata indietro, ho un nome da far rispettare; e poi sono un imprenditore sotto monopolio e prezzo calmierato, mi ritirano la licenza... d'altra parte due botte non si rifiutano mai."
    "Giusto, dov'è adesso?"
    "Alla baracca sul fiume, dove sta cucinando un pasticcio di patate. Probabilmente con l'arsenico o qualche altro veleno... non che possa uccidermi, ma ti sconsiglierei di fermarti per pranzo"
    "Ok... continua"
    "Dopo cinque mesi di tentativi di fuga ed intossicazioni alimentari, e circa altrettanti di mesta rassegnazione, sei nato tu. Per evitare che ci restasse male le ho detto che eri una bellisima bambina; mi ha detto di mandarti dalla sua gente, ma dovevo finire il turno di lavoro. Avevo letto che i bambini piccoli devono stare al caldo, così ti ho buttato nell'Acheronte, ma vicino alla riva che in mezzo ci sono i serpenti d'acqua"
    Caronte, non era proprio pratico sulla gestione dei bambini... non di quelli vivi, per lo meno
    "Finito il turno ti ho nascosto dentro una roccia che stava per essere spaccata da tua zia, e sebbene sul momeno la cosa fosse stata presa come un segno divino, poi si è accorta che eri un maschio, così ti ha buttato nel caminetto. Cosa che non sembra averti fatto troppo male, a differenza della picconata in testa"
    "Perchè, cos'ha fatto la picconata?"
    "Niente! Niente. Niente che un buon terapista non possa sistemare quantomeno"
    Priscillo non aveva la minima idea di cosa fosse un terapista, ma Caronte era una figura enigmatica, e lui era uno che si era preso una picconata in testa da neonato, quindi non era proprio una cosa al suo livello.
    "Ora, io devo finire il turno, ti riporto indietro dopo"
    "Ma papà, il Tartaro è noioso"
    "Dici così perchè non hai visto gli Elisi; tieni questo bastoncino appuntito e vai a punzecchiare Tantalo, che dalla pozza non si muove"
    "YEEEEEEEH!"
    ---Ore dopo, poco fuori da Chrysospiti---
    "Papà, questa non è Chorthalassia, te l'ho detto che dovevamo chiedere indicazioni"
    "No, non lo è. Ora vai nel palazzo, e dici a Demophilos da dove vieni e chi è tuo padre. Non è difficile, e ti darà la reggenza delle tue terre"
    "Ma papà, io non voglio governare le amazzoni, mi odiano tutte lì!"
    "E' un sentimento comune, ma questa situazione deve finire. Hanno una femmina di centauro nell'Oligarcato, e che il fratello del capo mi fulmini se non avranno un guerriero amazzone. Vai, e sii un eroe degno dei tuoi genitori."
    Prima che il figlio potesse chiedere chiarimenti circa quale fosse il sentimento comune, il vecchio barcaiolo sparì in una voragine del terreno, lasciando lì da solo il giovane dall'aria confusa. Ma quella parola... Eroe... sembrava fatta per lui. Bastava un passo, gli altri sarebbero venuti di conseguenza. Chiuse gli occhi, sollevando il piede destro
    "Fletto i muscoli, e sono nel fuoco."
    @giobia86 Post di presentazione per il nuovo eroe Priscillo Lithios, figlio di Caronte e principeSSO amazzone di Chorthalassia (lo so che lo stavi aspettando fremente)
     
    A Andros e giobia86 piace questo messaggio.
  2. giobia86

    giobia86 Spam Master

    Registrato:
    23/12/2018
    Messaggi:
    1.669
    Un gigabiglove per l'antenato di Deboro Laroccia, come figlio di caronte ha un tiro salvezza, per il bagno nell'acheronte ha immunità al fuoco, sarebbe stato un degno compagno di avventure per guendalo e briatore:cry2: guendaloooooooo, dai almeno briatore resiste
     

Condividi questa Pagina