• Ai compagni fedeli alla linea ci servono ancora i vostri soldi... per il rinnovo del server. Grazie dell'obolo

  • Famo partì sto fantacalcio. E' tempo di rosicare
  • E' resuscitato il vecchio gdr Cyberpunk, controlla nell'Antro dei Nerd, barbone.

Letteratura L'angolo della Fantascienza

Rebaf

Get a life
Fantacalciaro
Asd per ora ho avuto tempo di leggere solo quello che era quello mi ispirava di più come concept.
 

Rebaf

Get a life
Fantacalciaro
Guarda uno dei miei film preferiti di sempre è Gattaca, quell'incipit quindi mi aveva stregato. Purtroppo a livello di letteratura ne so poco, ho letto praticamente quasi e solo Dick (a conseguenza del mio amore sfrenato verso Blade Runner), sono più ferrato a livello cinematografico.
 

Shaka

Get a life
Fantacalciaro
Dopo aver postato "Nightfall" di Asimov dove si parla di un mondo di luce dove gli abitanti non avevano mai conosciuto il buio e le stelle, vi consiglio un libro che è l'esatto contrario:

Universo senza luce di Daniel F. Galouye (1961)

http://www.amazon.it/Universo-senza...387139352&sr=8-1&keywords=universo+senza+luce

Dopo una guerra nucleare, l'umanità si trova a vivere sotto terrà per molti anni e, con il passare del tempo, nell'oscurità totale, i concetti di luce e di buio spariscono completamente, trasformandoli in elementi religiosi e mitologici, sconosciuti fisicamente alle nuove generazioni che hanno ormai un corpo riadattato alla situazione. Vivono infatti "sentendo" le cose invece di vederle, avendo sviluppato negli anni caratteristiche di "vista" simile a quelle dei pipistrelli.
Galouye sviluppa l'idea in maniera a mio parere superba. Quando si descrive un mondo del genere, è difficile non incappare, a livello di scrittura, in "errori" di descrizione o in incoerenze con quel mondo. Lui invece ha pensato a tutto. Non sbaglia mai e tutto è riportato con coerenza e fascino. Ad esempio nei villaggi c'è un generatore di suoni in modo che gli abitanti possano utilizzare gli echi creati per capire i movimenti (quindi una specie di "faro" che "illumina" il villaggio), mentre quando una persona è in viaggio "sente" la conformazione del paesaggio circostante sfruttando ogni rumore attorno a lei o producendone appositamente sfregando piccole pietre, a conoscenza formale avviene attraverso il rito dei Dieci Tocchi col quale una persona memorizza il profilo dell'estraneo. Vengono adorate le lampadine (spente) ancora intatte, come oggeti misteriosi del Dio Luce. Come detto, il concetto stesso di Luce e buio non esistono più, tant'è che la vicenda si svolge con il protagonista Jared Fenton, che inizia un ricerca personale del Buio (ignorando di esserne circondato) così da poter comprendere finalmente la natura della Luce. Nel mentre, dei mostri stranissimi invadono le caverne dove vive la sua comunità e gli abitanti iniziano misteriosamente a sparire.
La storia di per se non è niente di sconvolgente a livello di trama, ma a me è piaciuta molto. Il vero punto di forza del libro è comunque il modo in cui è stato scritto, riadattando tutto a un mondo senza luce. All'inizio infatti è un pò difficile da capire, perchè con la mancanza di un senso, tanti verbi o azioni sono riadattate creando un pò di confuzione per le prime pagine, ma il mondo, gli usi e costumi, la religione, tutto riadattato alla nuova situazione, sono ottimamente espressi e fa guadagnare un grande interesse al libro stesso.
Un libro che consiglio, soprattutto ai virtuosi della penna.
 

Ostrègone

GIF MASTER
Fantacalciaro
Molto interessante, grazie Shaka. Sarebbe altrettanto interessante leggerli uno dietro l'altro, questo e quello di Asimov. :sisi:
 

Shaka

Get a life
Fantacalciaro
Oggi vi posto il primo racconto di uno dei padri nobili della fantascienza moderna, per alcuni (tipo Asimov) il migliore di tutti. Forse il giudizio del buon Isacco è esagerato per alcuni, ma sicuramente parliamo di uno forte quando nominiamo Robert A. Heinlein, quello che ha scritto Starship Trooper per capirci, da cui hanno tratto un film di merda.
Il racconto che vi posto è il suo primo racconto pubblicato e anche il primo del ciclo Storia Futura (Future History). Il termine storia futura (come accennato nel primo post di introduzione alla fantascienza) fu coniato da Campbell per descrivere le serie di racconti e romanzi scritti proprio da Heinlein. Cosa si vuole rappresentare con questo termine? Si vogliono rappresentare una serie di racconti e libri che descrivono tutti insieme, come un libro di storia, la storia futura di un mondo inventato. Con la sua cronologia Heinlein ha coperto più di 3 secoli di storia...è come fare un balzo nel 24° secolo e leggere un libro di storia che narra, in maniera cronologica, gli eventi avvenuti tra il 20° e 23° secolo (che è il periodo che Heinlein ha coperto con la sua Future History) creando di conseguenza una descrizione del passato del mondo preso in esame. E' quello che leggere @Il Partito del futuro...
Questo, come detto prima, è il primo racconto della serie, e parla di cosa potrebbe succedere se uno scienziato inventasse una macchina che può predire in maniera certa il preciso momento della morte di un uomo.

Buona lettura

La Linea della Vita di Robert A. Heinlein (1939)

https://drive.google.com/file/d/0Bzwy5X61MR38MldZTVV0WmFPWlU/edit?usp=sharing
 

Shaka

Get a life
Fantacalciaro
Molto interessante, grazie Shaka. Sarebbe altrettanto interessante leggerli uno dietro l'altro, questo e quello di Asimov. :sisi:

SI, anche se poi a parte l'esatto contrario del mondo preso in esame, hanno poco in comune.
Quello di Asimov, comunque, è molto più incoerente a livello di scrittura rispetto a quello di Galouye. Esempio...in un mondo che ha luce per 2500 anni, che senso ha parlare di "giorni"? Eppure quando parlano nell'osservatorio si dice che "domani il mondo finirà". Quale domani? Come è considerato il domani? Così come l'eclissi che ci sarà ad ore...ore? calcolate in base al ciclo di quale degli n soli? Ecc ecc. Asimov stesso dice che Notturno è un racconto molto grezzo, e lui, a differenza di mezzo mondo, non lo considera di certo il miglior racconto di fantascienza della storia, e neanche in verità il migliore dei suoi. Ma aveva tipo 19 anni, sono peccati che si possono perdonare su un racconto che comunque nel complesso ha aperto nuove possibilità di scrittura. L'originalità per un racconto di fantascienza del genre scritto più di 70 anni fa, va presa in considerazione...

Galouye invece non fa nel romanzo questi errori, non rapporta mai gli eventi a una conoscenza "normale" per non confondere il lettore o per farlo tranquillizzare in un mondo diverso ma che poi alla fine non è tanto diverso dal nostro. Per niente proprio, ti sbatte in un mondo coerente non spiegando niente e lasciando solo al tempo della lettura "l'apprendimendo" di come muoversi tra le buie grotte. Per questo all'inizio è molto difficile da digerire, spesso ci si sente spiazzati, ma poi alla fine lo chiudi e pensi solo "uao, cazzo!".
 
Ultima modifica:

Ostrègone

GIF MASTER
Fantacalciaro
Mi incuriosisce molto quello di Galouye, peccato a parte quell'ebook che hai linkato non ho trovato nulla come libro cartaceo da acquistare. :(
 

Shaka

Get a life
Fantacalciaro
Mi incuriosisce molto quello di Galouye, peccato a parte quell'ebook che hai linkato non ho trovato nulla come libro cartaceo da acquistare. :(

Ho trovato questo di cartaceo (tra parentesi l'unica copia disponibile)

http://www.delosstore.it/collezionismo/42872/universo-senza-luce/

Purtroppo in italia, prima di questa edizione che io ho comprato in abbonamento Urania Collezione a più o meno 5 euro, era stato pubblicato l'ultima volta nel 1980 con il titolo Percezione Infinita dalla Nord.
Effettivamente la Mondadori sembra averlo pubblicato solo in Urania Collezione e poi solo ebook.

C'è anche questo che lo vende usato

http://www.ebay.it/itm/DANIEL-F-GALOUYE-UNIVERSO-SENZA-LUCE-URANIA-COLLEZIONE-119-2012-/290985707986
 

The Shiran Reborn

Chosen one
 

davr

Chosen one
Ho trovato questo di cartaceo (tra parentesi l'unica copia disponibile)

scommetto, e durante queste vacanze cercherò di ricordarmi di vincere questa scommessa, che se mi faccio un giro nelle edicole di paese mio e di mia nonna dove sono per natale qualcuno di questi libri li trovo sicuro. ho l'immagine impressa nella mente di questi espositori con i libri urania dalle copertine vecchie ed ingiallite, mai toccati da anima viva.
 

Shaka

Get a life
Fantacalciaro
scommetto, e durante queste vacanze cercherò di ricordarmi di vincere questa scommessa, che se mi faccio un giro nelle edicole di paese mio e di mia nonna dove sono per natale qualcuno di questi libri li trovo sicuro. ho l'immagine impressa nella mente di questi espositori con i libri urania dalle copertine vecchie ed ingiallite, mai toccati da anima viva.

Ti sei ricordato?
 

davr

Chosen one
non sono andato a trovare la vecchia B(
però stasera ne approfitto per fare un salto alla vecchia edicola dove andavo da bambino, ricordo che aveva l'espositore
 

davr

Chosen one
come promesso oggi ho preso il cane e mi son fatto una passeggiata fino all'edicola. hanno tolto l'espositore :(
 

Shaka

Get a life
Fantacalciaro
Questo nuovo racconto è stato scritto da Robert Bloch, autore che in verità ha scritto principalmente racconti di terrore, ma che ha lasciato nella sua vita anche alcune chicche di fantascienza, tra le quali questo racconto.
Il racconto è del 1939 e parla del primo viaggio dell'uomo verso Marte (@Il Partito ). Erano gli anni della relatività di Einstein, ed era bello immaginarsi questi viaggi lunghissimi con tutto lo scorrere del tempo e i problemi che ci possono essere all'interno di una navicella spaziale, problemi attualmente ancora in fase di analisi (ricorderete il "viaggio finto" verso il pianeta rosso di sei astronauti finito poco tempo fa in cui si studiavano le conseguenze psicologiche di un viaggio del genere) e che vengono immaginati qui in parte da Bloch in un racconto che da un forte senso di angoscia mentre lo si legge (almeno a me lo ha dato). Magistrale esempio di fantascienza, assolutamente da leggere. E' anche molto breve...

Lo strano volo di Richard Clayton (The strange flight of Richard Clayton) di Robert Bloch (1939)

https://drive.google.com/file/d/0Bzwy5X61MR38THdPNnMyeDNKejg/edit?usp=sharing
 

Falciatore

Ninja Skilled!
Ho amato Asimov alla pazzia, e parto prevenuto pensando che di meglio nel genere non potrò leggere(chi ha letto uno su un trilione? come fa uno scrittore a rendere interessante la statistica? deve essere un genio) però mi hai dato spunti interessanti, so cosa leggere appena finisco la Torre nera.
 
Alto