1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
  2. Ai compagni fedeli alla linea ci servono ancora i vostri soldi... per il rinnovo del server. Grazie dell'obolo

  3. Famo partì sto fantacalcio. E' tempo di rosicare
  4. E' resuscitato il vecchio gdr Cyberpunk, controlla nell'Antro dei Nerd, barbone.
SoHead: il miglior forum degli ultimi 150 anni! (S. Berlusconi)

[Impero del Giappone - Stati Uniti d'America] Trattato di Osaka

Discussione in 'Gioco di ruolo' iniziata da Contrammiraglio Oss, 16/07/2012.

  1. Contrammiraglio Oss

    Contrammiraglio Oss Chosen one

    Registrato:
    07/07/2009
    Messaggi:
    7.698
    Sua Maestà l'Imperatore, il Divino Mutsuhito e il Segretario di Stato Americano, mister Blaine, firmano oggi il seguente trattato nella città di Osaka.

    Il Giappone si impegna a cedere agli Stati Uniti d'America le città portuali di Osaka e di Okinawa quale zone economiche esclusive. All'interno di tali città portuali la sovranità rimarrà giapponese, ma gli Stati Uniti otterranno la gestione economica-monetaria tramite il loro consolato. Tale concessione è intesa per anni 99 e rinnovabile tramite successivi accordi.

    Gli Stati Uniti d'America si impegnano a rilevare il debito giapponese per un totale di 5000 milioni di dollari e saldarlo nei confronti dei detentori privati. Inoltre stimoleranno l'ingresso di capitali privati nelle altre strutture portuali giapponesi in corso di privatizzazione: gli investitori americani potranno fare riferimento alla nuova legge relativa, che va a sostituire quella precedentemente varata.

    La rescissione dell'accordo è sottoposta ad una penale da parte del governo Giapponese, ed è limitata al riassorbimento dei territori di Osaka e Okinawa con il mantenimento e la tutela degli investimenti privati americani.


    Per l'Impero del Giappone
    睦仁
     
  2. Redual

    Redual Brontolo

    Registrato:
    27/09/2008
    Messaggi:
    6.833
    Viene apposta la firma del Presidente degli Stati Uniti d'America.
     

Condividi questa Pagina